• Google+
  • Commenta
13 dicembre 2007

Parigi, patria dei ristoranti universitari

Per chi giunge nella favolosa capitale francese in Erasmus, o in ogni caso, per un periodo di studio, i problemi iniziali non sono pochi. Ci si deve aPer chi giunge nella favolosa capitale francese in Erasmus, o in ogni caso, per un periodo di studio, i problemi iniziali non sono pochi. Ci si deve ambientare nell’università, ma soprattutto nella città, impresa non semplicissima date le dimensioni. Non è facile trovare una stanza o un appartamento, non è facile trovare immediatamente le biblioteche in cui studiare. Tuttavia, per fortuna, non c’è il problema, talvolta tra i più gravosi per gli studenti, di dove e come procacciarsi del cibo. La città di Parigi dispone di una perfetta rete di “restaurants universitaires”, ristoranti universitari, nome abbreviato dagli indigeni in “RestoU” e perfino, dai più frettolosi, in “ReU”. Si tratta di vere e proprie mense, in cui si può mangiare un pasto completo alla cifra di 2,80 euro: un prezzo veramente d’eccezione, che a Parigi sembra ancor più basso per l’inevitabile confronto con normali ristoranti o con qualunque altro posto in cui mangiare. In realtà il costo dei pasti dovrebbe essere 4,77 euro, ma lo stato finanzia la differenza, e si vengono a pagare solo 2,80 euro. Istituzione che si occupa di questo servizio di ristorazione è il CNOUS (Centre national des oeuvres universitaires et scolaires, Centro Nazionale delle opere universitarie e scolastiche), stabilimento pubblico autonomo, che sul territorio opera attraverso 28 centri regionali ( i CROUS). l I ristoranti sono numerosi e generalmente dislocati in prossimità dei diversi centri universitari, in modo tale da soddisfare le esigenze di tutti gli studenti. Alcuni sono aperti solo durante la settimana, e solo ad ora di pranzo (dalle 12 alle 14) mentre altri sono aperti anche nel week-end e di sera (18-20), coprendo così l’intera gamma di esigenze dello studente tipo. La qualità dei pasti è non indifferente, e l’abbondanza è assicurata, in modo tale da non lasciare nessuno insoddisfatto. Inoltre si dispone di un menu piuttosto differenziato, che permette di mantenere una dieta variata. Si da così agli studenti la possibilità di mangiare cibi che altrimenti questi non mangerebbero mai: pesce, insalate, zuppe di verdura. L’ingresso è limitato ai soli studenti, tenuti ad esibire la propria tessera, mezzo, questo per evitare convitati indesiderati o comunque non accademici.
Se vi trovate attualmente in Francia per motivi di studio, il collegamento di seguito vi permetterà di trovare il ristorante universitario più vicino a voi:
http://www.cnous.fr/_vie_36.htm

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy