• Google+
  • Commenta
16 gennaio 2008

Il Papa rinuncia a La Sapienza

E’ arrivata la conferma da parte della sala stampa vaticana, il Papa ha deciso di annullare la propria visita all’Università La Sapienza di RomE’ arrivata la conferma da parte della sala stampa vaticana, il Papa ha deciso di annullare la propria visita all’Università La Sapienza di Roma prevista in occasione della presentazione del nuovo anno accademico. All’intervento del Santo Padre si erano opposti ben 67 tra docenti e scienziati laici i quali come firmatari di una petizione ne chiedevano l’annullamento. Anche una nutrita parte di studenti aveva già iniziato a mobilitarsi organizzando un corteo di protesta da affiancare alla manifestazione ufficiale. Ora studenti e professori si ritrovano insieme a gioire per quella che si è concretizzata come una profonda ferita alla nostra cultura. A fatto compiuto ci si può rendere conto di come siano stati calpestati i principi di democrazia e libertà d’espressione che tanto sentivamo nostri. Ma cosa ha portato ad un simile riacutizzarsi del contrasto fra religione e scienza? I manifestanti riuniti a Roma giustificano il gesto riportando una frase che l’allora Cardinale Joseph Ratzinger sembra aver pronunciato durante un discorso tenuto a Parma il 15 marzo 1990: “Il processo della Chiesa contro Galileo fu ragionevole e giusto”, e a nulla pare sia servito il tentativo di placare gli animi del Rettore Renato Guarini il quale oggi, come noi, è costretto ad essere un impotente testimone del fatto che macchia l’orgoglio di una delle nostre università più prestigiose.

Google+
© Riproduzione Riservata