• Google+
  • Commenta
17 gennaio 2008

L´Università di Pisa ha un nuovo impianto fotovoltaico

Un nuovo impianto solare fotovoltaico è stato inaugurato al dipartimento di Ingegneria Aerospaziale dell´Università di Pisa, grazie allaUn nuovo impianto solare fotovoltaico è stato inaugurato al dipartimento di Ingegneria Aerospaziale dell´Università di Pisa, grazie alla collaborazione con la Mitsubishi Electric, leader mondiale nel settore della generazione di energia fotovoltaica, e con la Solar Energy Italia, la società di Prato che prima in Italia si occupa di installazioni di impianti fotovoltaici sin dal 1979. La presentazione del nuovo impianto è stata effettuata, al Rettorato dell´Ateneo pisano, dal rettore Marco Pasquali; dal direttore amministrativo dell´Ateneo, Riccardo Grasso; da Gualtiero Seva, division manager di Mitsubishi Electric Fotovoltaico; da Francesco Repola, amministratore delegato di Solar Energy Italia; dai professori Luigi Lazzeri, vicedirettore del dipartimento di Ingegneria aerospaziale, e Walter Grassi, direttore del dipartimento di Energetica.

L´impianto da 5Kwp, che eviterà l´emissione di 4,3 di tonnellate di CO2 all´anno, fa parte di un progetto di collaborazione più generale, che prevede l´installazione di altri quattro impianti, con una potenza di picco installata di 5 kW, da collocare in altri siti universitari della città e nelle strutture universitarie di San Piero a Grado.

Lo scopo principale è quello di realizzare strutture di diversa tipologia – pannelli fotovoltaici monocristallini, policristallini, amorfi, fissi o a inseguimento – per poter registrare, monitorare e analizzare i dati di produzione di energia elettrica nel corso di alcuni anni, ricavando preziose informazioni sulla produttività delle diverse tipologie di pannelli nell´area pisana.

La collaborazione tra l´Università di Pisa e la Mitsubishi Electric ha anche il fine di stimolare lo sviluppo di una cultura del risparmio energetico e di diffondere la cultura delle fonti rinnovabili, contribuendo così allo sviluppo di una società più sostenibile. L´utilizzo dell´impianto genererà poi un piccolo reddito che potrà essere investito in ricerche sperimentali, nella raccolta di dati climatici e di performance e in test sul campo delle diverse tecnologie.

“Stiamo cercando di mettere in atto – ha detto il rettore nel corso della presentazione – una politica energetica che porti al contenimento dei costi energetici ma che abbia, al contempo, anche rilevanti aspetti etici Il mio obiettivo è che la nostra Università diventi sostenibile dal punto di vista ambientale, sfruttando le competenze che abbiamo al nostro interno, utilizzando gli incentivi dello Stato e utilizzando delle opportunità offerte dalle nuove regole del mercato dell’energia. Abbiamo messo la questione energetica e la diminuzione dell’impatto ambientale al centro del nostro programma di lavoro e la collaborazione con una grande società come la Mitsubishi Electric, ci permetterà di diffondere una maggiore conoscenza di quelle tecnologie innovative che fanno uso di fonti energetiche rinnovabili.”

Nel suo intervento, l´ingegnere Gualtiero Seva ha fatto il punto sulla produzione di energia fotovoltaica in Italia e, in particolare, nella Toscana.

Attualmente gli impianti installati nel nostro paese si concentrano maggiormente nelle regioni settentrionali: solo in Lombardia ve ne sono 1.078 per un totale di circa 7.000 Kwp di potenza installata. Nella Regione Toscana sono 414, pari a una potenza installata di 3000 Kwp. A seguire il Lazio con 363 impianti installati (circa 2500kwp) e la regione Campania con 119 impianti fotovoltaici e 1000kwp. Infine in Italia insulare, la Sicilia ha realizzato 262 installazioni per circa 1500 Kwp.

Analizzando il rapporto tra il numero degli impianti residenziali e la densità degli abitanti a livello regionale, si nota come la diffusione del fotovoltaico sia maggiore nel Centro Nord, probabilmente in correlazione con il maggior reddito pro capite. Nelle regioni del Sud tuttavia, dove l´irraggiamento è maggiore e, conseguentemente, il ritorno sull´investimento risulterebbe più elevato, è prevedibile un forte sviluppo futuro.

“Analizzando la situazione italiana – ha concluso Seva – ci si rende conto di come il nostro territorio si presti ad installazioni solari. La ragione della nostra collaborazione con l´Università di Pisa può essere sintetizzata nella volontà di diffondere una maggiore conoscenza di queste tecnologie energetiche innovative, in particolare presso le nuove generazioni.”

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy