• Google+
  • Commenta
29 gennaio 2008

Politecnico di Torino e reti fotoniche

La tendenza attualmente seguita in Europa è quella di investire sulle fibre ottiche e le tecnologie fotoniche, data la loro grande capacit&agraLa tendenza attualmente seguita in Europa è quella di investire sulle fibre ottiche e le tecnologie fotoniche, data la loro grande capacità di trasferimento dei dati a basso costo. Il progetto di ricerca denominato e-Photon/One ha potuto contare su oltre 7 Milioni di Euro di finanziamenti e ha coinvolto 40 centri europei di eccellenza del settore delle telecomunicazioni. La rete coordinata dal Politecnico di Torino, ha avuto come obiettivo quello di integrare la ricerca europea nel settore delle reti ottiche. A questo fine sono stati messi a punto dipartimenti virtuali fra i partner europei, per gli approfondimenti su aree specifiche, mentre gli argomenti tecnici di particolare rilevanza come le “optical grid”, e le tecnologie di “optical burst switching”, sono stati coordinati con progetti congiunti. I risultati del quadriennio sono documentati da oltre 230 pubblicazioni congiunte tra i partner e da alcuni brevetti europei in corso di deposito. Il prof. Fabio Neri del Dipartimento di Elettronica del Politecnico di Torino, coordinatore di e-Photon/One ha commentato sottolineando l’importanza che il progetto ha avuto non solo per l’Università, ma per la città intera. Dal punto di vista tecnico, il progetto ha delineato la maniera di sfruttare le grandi potenzialità della fotonica nelle reti di telecomunicazioni, contribuendo a creare i presupposti tecnologici per la diffusione di accessi e infrastrutture a larga banda, con velocità di trasferimento dell’informazione ben superiori a quelle offerte oggi dalla tecnologia ADSL.

Google+
© Riproduzione Riservata