• Google+
  • Commenta
15 gennaio 2008

Sorbonne: un atelier per i poeti

L’Università di Parigi “Paris IV Sorbonne” offre una grande varietà di insegnamenti, dalla letteratura alla musicologia, fino a corsi diL’Università di Parigi “Paris IV Sorbonne” offre una grande varietà di insegnamenti, dalla letteratura alla musicologia, fino a corsi di Composizione musicale. Ma tra le attività più interessanti proposte dal grande ateneo francese, spiccano particolari corsi “collaterali”, ai quali la partecipazione non è obbligatoria. Si tratta di quelli che vengono definiti “atelier”, ovvero cicli di lezioni che poco hanno da invidiare ai veri e propri corsi, ma che sono strutturate come spazi che permettano agli studenti anche un’opportunità di espressione personale, oltre che di apprendimento. Tra questi atelier, nel primo semestre dell’anno 2007-2008 figurava quello di scrittura poetica, ormai attivo da qualche anno. Lo scopo dell’atelier è promuovere la conoscenza della poesia, ma soprattutto la pratica di questa arte. Ad animare gli incontri era il poeta francese Lionel Ray ( vincitore del prestigio Goncourt della poesia ed autore di raccolte pubblicate dalla casa editrice Gallimard), assistito dal professor Gérard Berthomieu. Giunto ormai quasi al termine, l’atelier si propone come una sfida per i giovani aspiranti poeti, di volta in volta condotti ad esaminare una tematica differente, ma soprattutto a scrivere in un linguaggio differente. Esempi divertenti sono stati quelli del “pastiche”, ovvero un componimento che richiede di imitare lo stile di un autore, ma anche la “sculpture de mots” (“scultura di parole”), ovvero lo scrivere una poesia a partire da un testo di prosa, utilizzando solo le parole contenute in quel testo. Ogni incontro inizia, così, in un momento di confronto e lettura delle diverse composizioni da parte di tutti i partecipanti e si conclude con l’invito a comporre su un determinato tema o in una precisa forma. Interessante è poi anche la possibilità di pubblicare le proprie opere in un libro edito a cura della Sorbonne, che si propone come un’antologia delle poesie scelte nel corso dell’atelier.

Google+
© Riproduzione Riservata