• Google+
  • Commenta
29 gennaio 2008

Unimore: docente modenese studia il diabete per la NASA

Presso il laboratorio Optolab dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia si sta studiando un sensore ottico per la misurazione del lPresso il laboratorio Optolab dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia si sta studiando un sensore ottico per la misurazione del livello glicemico. Le ricerche portate avanti dal gruppo del prof. Luigi Rovati del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione seguite con interesse dalla stessa NASA, l’ente spaziale americano, che recentemente ha premiato gli sforzi dei ricercatori modenesi.

Crescono la dimensione ed il prestigio internazionale dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia. Arriva infatti direttamente dalla NASA, l’ente spaziale americano, un importante riconoscimento attribuito al prof. Luigi Rovati, docente del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, che di recente ha visto premiati i suoi studi su sensori applicabili in medicina.

Il docente modenese, Direttore di Optolab, laboratorio universitario per gli studi di optoelettronica, sta conducendo innovative ricerche volte alla realizzazione di un sensore ottico per la misurazione del livello glicemico.

“La misura non invasiva del livello glicemico – esordisce il prof. Luigi Rovati – rappresenta un avvincente ambito applicativo delle tecniche optoelettroniche. Attualmente tale misura richiede un prelievo di sangue e una successiva analisi biochimica. Il progetto si propone di definire la geometria di un sensore ottico innovativo che consenta di eseguire la misurazione in modo non invasivo. Si può stimare che nel mondo esistano 50 milioni di diabetici riconosciuti e all’incirca altrettanti che, pur affetti da diabete, ignorano la propria condizione. La conoscenza della concentrazione di glucosio nel sangue è di vitale importanza per queste persone. La concentrazione di glucosio nell’umore acqueo è strettamente correlata al livello di glucosio nel sangue; è quindi pensabile di sfruttare l’occhio, ed in particolare la camera anteriore, come una provetta contenente il campione di interesse. La tecnica di misura proposta sfrutta la caratteristica del glucosio di indurre una rotazione del piano di polarizzazione della luce”.

L’attività, che ha avuto inizio nel 2001, è svolta dall’Optolab dell’Ateneo di Modena e Reggio Emilia in stretta collaborazione con il Glenn Research Center (NASA) di Cleveland e con la School of Health Information Sciences, Health Science Center di Houston, University of Texas.

Ma cosa spinge la NASA, notissima istituzione statunitense che si occupa di ricerche spaziali, a interessarsi e promuovere ricerche sul diabete?

“Alcuni studi – spiega il prof. Luigi Rovati – dimostrano che gli astronauti sono soggetti a rischio di diabete. Sembra che in funzione del tempo di permanenza nello spazio, l’insorgenza di tale malattia negli astronauti sia 30 volte più probabile. Quindi, in previsione di viaggi spaziali di lunga durata (missione su Marte) la NASA è interessata in primo luogo a sviluppare metodi non invasivi (in ambiente di microgravità un prelievo di sangue è improponibile) per il monitoraggio del livello glicemico”.

Le ricerche per le quali il docente modenese ha da poco ricevuto l’importante riconoscimento sono tutt’altro che concluse, ma sono già stati sviluppati presso i laboratori del Glenn Research Center (NASA) e dell’Università del Texas, dei “dimostratori”, prime forme di prototipi, che hanno dimostrato la consistenza e validità delle ricerche seguite dai ricercatori italiani e americani.

“I – aggiunge il prof. Luigi Rovati – che allo stato attuale occupano un banco ottico di dimensioni notevoli hanno dimostrato la fattibilità del nostro approccio. La nuova fase dell’indirizzo della nostra ricerca si propone di trovare soluzioni tecnologiche per la miniaturizzazione al fine di realizzare i primi prototipi per un test clinico”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy