• Google+
  • Commenta
6 febbraio 2008

Bufera sul Porto di Genova

La già tragica situazione del porto genovese, in blocco da ormai due settimane circa a causa di un cambio di software, si aggrava ulteriormen
La già tragica situazione del porto genovese, in blocco da ormai due settimane circa a causa di un cambio di software, si aggrava ulteriormente a causa degli arresti domiciliari comminati al presidente dell’Autorità Portuale di Genova, Giovanni Novi. Il presidente, in scadenze imminente di mandato, è stato raggiunto dal provvedimento dell’autorità giudiziaria, nella giornata di ieri, nell’ambito di un’inchiesta sull’assegnazione delle concessioni nello scalo del capoluogo ligure. La misura cautelare nei confronti di Novi è accompagnata da una perquisizione degli uffici dell’ente portuale a Palazzo San Giorgio, che ha comportato gravi disagi per la già precaria operatività dello scalo e per i dipendenti dell’Autorità Portuale. Novi sarà sostituito alla presidenza della port authority dall’attuale assessore regionale ai Trasporti, Luigi Merlo, sulla cui nomina nei prossimi giorni dovrà esprimere il proprio parere la commissione Lavori pubblici del Senato.

Google+
© Riproduzione Riservata