• Google+
  • Commenta
6 febbraio 2008

Napoli: Una “scatola nera” nei cantieri per prevenire gli incidenti

Gli ingegneri della ‘Scuola di Alta Formazione in Sicurezza sui Luoghi di Lavoro’ della Seconda Università di Napoli hanno messo appunto una “sGli ingegneri della ‘Scuola di Alta Formazione in Sicurezza sui Luoghi di Lavoro’ della Seconda Università di Napoli hanno messo appunto una “scatola nera” che avrà il compito, di interesse attualissimo, di eseguire controlli e supervisioni durante il rischioso lavoro nei cantieri. “Sul piano della ricerca – spiega orgoglioso Michele Di Natale, Direttore della Scuola di Alta Formazione partenopea – stiamo mettendo a punto un laboratorio mobile, che sarà presentato alla Regione, dove attrezzature, apparecchiature e tecnici saranno a supporto degli imprenditori e di chi lavora sui cantieri. Tra queste c’è un progetto prototipale che prevede un monitoraggio continuo dei cantieri attraverso un sistema di sensori. Ogni minima situazione di allarme viene così annunciata in maniera preventiva e registrata in una sorta di scatola nera”. I suddetti sensori saranno applicati, per esempio, sui caschi, sulle gru o sulle impalcature, al fine di prevenire possibili malfunzionamenti, usi impropri o scorretti delle attrezzature, etc.

Google+
© Riproduzione Riservata