• Google+
  • Commenta
14 febbraio 2008

Occupazione femminile, il Sud è in crisi

Relativamente al tasso di occupazione femminile, l’ Italia è tra le nazione Europee peggio piazzate. Fermo al 46,3% infatti, il bel paese non pRelativamente al tasso di occupazione femminile, l’ Italia è tra le nazione Europee peggio piazzate. Fermo al 46,3% infatti, il bel paese non può certo fare vanto della sua penultima posizione.
L’ Europa chiede all’ Italia un tasso di occupazione femminile del 60% entro il 2010, ma nel frattempo i dati emersi dalla Nota aggiuntiva di Lisbona e analizzati nell’ ambito del convegno tenutosi a Catania, intitolato “ Lavoro femminile e welfare: come competere in Europa ”, non sono confortanti.
Durante la manifestazione che ha avuto luogo nell’ aula magna del palazzo centrale dell’ ateneo, si è fatto notare in particolar modo il Ministro alle Politiche Europee, Emma Bonino, che ha sottolineato l’ importanza di interventi bipartisan per risolvere e risollevare la questione dell’ occupazione femminile. Al convegno di lunedì scorso, dove ad aprire i lavori è stato il Magnifico rettore dell’ Università di Catania, Antonio Recca, erano presenti anche i ministri per la Famiglia, Rosy Bindi, e per le Pari Opportunità, Barbara Pollastrini, gli economisti Andrea Ichino, Alberto Alesina e Fiorella Kostoris, i parlamentari Enzo Bianco, Anna Finocchiaro e Gianfranco Micciché e tante altre personalità di spicco della sfera politica e del mondo accademico.
Durante l’ incontro di lunedì è emerso che in Italia la povertà è soprattutto femminile, e ciò, e ancora più evidente se si da un’ occhiata ai dati analizzati: in particolare le ricerche presentate hanno mostrato che nel nostro paese circa 7 milioni di donne è in età lavorativa, ma fuori dal mercato del lavoro. La cosa ancor più triste è che l’ Italia continua ad essere spaccata in due: nel sud della penisola il tasso d’ occupazione del gentil sesso ( donne tra i 25 e i 34 anni ) è pari al 34,7%, mentre al Nord è uguale al 74,3%. Il gap tra meridione e settentrione però, non è solo imputabile ad un’ assenza di domanda di lavoro, visto che la gran parte delle donne del Sud ha rinunciato a cercare un’ occupazione.
Come si dice, se Maometto non va alla montagna, è la montagna che va da Maometto…sarà sempre vero?

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy