• Google+
  • Commenta
17 marzo 2008

E’ nata la cura per i tumori?

Uno degli imperativi categorici del campo oncologico è eliminare la tossicità dei prodotti farmaceutici e parallelamente migliorare la qUno degli imperativi categorici del campo oncologico è eliminare la tossicità dei prodotti farmaceutici e parallelamente migliorare la qualità della vita. In questo senso ogni scoperta, oltre a dare sempre più speranza ai pazienti, è vitale per l’ esistenza della scienza stessa. Ne è un esempio lampante lo studio di Geroloma Condorelli ( in collaborazione con il Dipartimento di Biologia e patologia cellulare e molecolare dell’ Università degli studi di Napoli Federico II ) eseguito nei laboratori partenopei del Cnr, lo “ Ieos ” ( Istituto per l’ endocrinologia e l’ oncologia sperimentale ), che ha illustrato un’ importante strategia terapeutica. Lo studio della Condorelli, che si è avvalso anche dell’ ausilio del professor Carlo Croce dell’ Università dell’ Ohaio, è partito dalla consapevolezza che un tumore può essere definito dalla manifestazione combinata di un certo numero di proteine che costituiscono il tessuto leso.
Negli ultimi anni si è riuscito a dimostrare, in seguito a ricerche che hanno coinvolto famosi laboratori di ricerca internazionale, che i livelli di espressione di un gran numero di proteine sono sotto il controllo di un ristretto numero di piccoli RNA, la cui analisi consente di ottenere informazioni fondamentali per l’ origine dei tessuti tumorali. I piccoli RNA svolgono un ruolo di primo piano nello sviluppo del cancro nell’ essere umano. La ricerca condotta dalla dottoressa Condorelli ha chiarito il ruolo dei microRNA nella risposta terapeutica al tumore polmonare. Anche se le cure che oggi vengono offerte sul mercato farmacologico non garantiscono un prolungamento della vita del paziente, negli ultimi mesi è stata scoperta la molecola TRAIL, che potrebbe servire a combattere in modo efficace le cellule tumorali senza uccidere le cellule normali (anche se, a quanto pare, alcuni tumori sarebbero in grado di resistere a questa molecola).

Google+
© Riproduzione Riservata