• Google+
  • Commenta
17 marzo 2008

Oristano: il mare, i pesci, le alterazioni

In un habitat naturale sconvolto quotidianamente da alterazioni climatiche naturali o indotte si va sempre più dibattendo sulla questione: comeIn un habitat naturale sconvolto quotidianamente da alterazioni climatiche naturali o indotte si va sempre più dibattendo sulla questione: come fare per salvarlo? Il nostro pianeta è formato per lo più da terre sommerse, di conseguenza, la vita al di sotto dello specchio acquatico prende importanza quanto quella degli esseri viventi delle terre emerse.
Ad Oristano, il 27 marzo 2008, la sede della Facoltà di Agraria dell’Università di Sassari ha organizzato un convegno che avrà per argomento le alterazioni dei prodotti ittici. Si illustreranno, altresì, alcuni sistemi per migliorarne il controllo anche grazie alla presenza di imprenditori del settore.
Ad iniziare i lavori, alle 15:30 presso l’Aula del Chiostro del Carmine, in Via del Carmine 14, sarà Giovanni Antonio Farris dell’Università di Sassari che regolerà gli interventi di Marisa Di Matteo dell’Università di Salerno, Fulvio Salati dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna e Gianluca Cirronis, Amministratore Unico della “Blue Marlin s.r.l.”, una delle aziende leader del settore ittico sia in Italia che all’estero.
Ulteriori informazioni sono reperibili visitando il sito d’ateneo www.uniss.it o la segreteria organizzativa su www.consorziouno.it.

Google+
© Riproduzione Riservata