• Google+
  • Commenta
5 marzo 2008

Pisa: Al Polo Fibonacci la storia della “macchina ridotta”

Si svolgerà venerdì 7 marzo, a partire dalle ore 14 nell´Aula “A” del Polo Fibonacci, il seminario di Giovanni Cignoni dal titolo “PrimaSi svolgerà venerdì 7 marzo, a partire dalle ore 14 nell´Aula “A” del Polo Fibonacci, il seminario di Giovanni Cignoni dal titolo “Prima della CEP: la macchina ridotta”. Il seminario, che fa parte del ciclo di incontri sulla storia dell´informatica, ripercorrerà le vicende che portarono alla nascita di questo prototipo sperimentale, costruito nell´ambito del progetto che condusse alla realizzazione della CEP.

La macchina ridotta fu completata nel dicembre del ’57. A partire da febbraio ’58, cioè giusto 50 anni fa, iniziò a essere usata regolarmente, come banco di prova per la realizzazione della CEP, ma anche come strumento di calcolo a servizio della ricerca in altre discipline.

Il primato della macchina ridotta ha un particolare significato perché, nei pochi, incredibili anni che seguirono, l´informatica italiana fece un salto epocale. Solo tre anni più tardi, quando fu completata la CEP, in Italia erano già operativi 22 calcolatori e Olivetti, in un ottimo esempio di collaborazione fra università e industria, cominciava a raccogliere i frutti della sua partecipazione al gruppo di ricerca della CEP. Nel ’59 Olivetti aveva commercializzato ELEA 9003 che, “vestito” da Ettore Sottsass, era stato premiato con il Compasso d’Oro per il design industriale. In pochi anni il calcolatore, da oggetto di ricerca, era diventato un prodotto ed era stato accettato come componente dell’arredamento aziendale.

Google+
© Riproduzione Riservata