• Google+
  • Commenta
26 marzo 2008

Tara Brabazon vieta Google e Wikipedia ai suoi studenti

Quanti di voi, se doveste fare una ricerca su un particolare argomento, non esiterebbero a collegarsi a Internet e, molto probabilmente, a servirsi
Quanti di voi, se doveste fare una ricerca su un particolare argomento, non esiterebbero a collegarsi a Internet e, molto probabilmente, a servirsi di Google e/o Wikipedia per trovare informazioni sul lavoro da svolgere? Forse tutti, o quasi. Di sicuro per gli studenti (al primo anno) della professoressa Tara Brabazon, docente di Teoria dei Media all’Università di Brighton, in Gran Bretagna, tutto questo non sarà possibile. Perché? Per un esplicito diktat della stessa Brabazon. Le sue ragioni le ha esposte in una discussa conferenza dal titolo “Google è come il pane bianco per i giovani cervelli”, tenuta in apertura del proprio corso. Morale della storia: la 39enne docente di origine australiane ha vietato ai suoi studenti di utilizzare Google o Wikipedia per svolgere le loro ricerche. Se vorranno superare l’esame dovranno dimostrare di aver attinto i dati per i propri lavori da un repertorio di 200 libri e riviste, selezionati personalmente dalla Brabazon. Prendere o lasciare. Voi siete d’accordo?

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy