• Google+
  • Commenta
21 aprile 2008

Unisa: colpo marziale a Specchia

Si è svolto lo scorso sabato a Specchia (LE) l’allenamento per tutte le cinture rosse e nere che vogliono entrare a far parte della Nazionale ISi è svolto lo scorso sabato a Specchia (LE) l’allenamento per tutte le cinture rosse e nere che vogliono entrare a far parte della Nazionale Italiana di Taekwon-do G.T.F., presieduto dal Presidente della G.T.F. Italia, M° angelo Ianniello e dal C.T., M° Alessandro Coppola.
L’allenamento pomeridiano è stato molto duro ma non per questo gli atleti hanno dimostrato di non esserne all’altezza; al contrario, durante la fase di riscaldamento, tutti ad eccezione di nessuno hanno dato modo al C.T. o al Presidente e Direttore Tecnico Nazionale di dubitare delle capacità di qualche atleta.
Come sempre le due massime incone del Taekwon-do dell’Università degli Studi di Salerno si dono dimostrati all’altezza; parliamo di Cosimo Baio cintura nera 3° Dan Degree iscritto al secondo anno ddella Facoltà di Giurisprudenza e di Francesco Toto cintura nera 2° Dan Degree iscritto al terzo anno della Facoltà di Farmacia.
La fase di riscaldamento è stata lunga ma adeguata al lavoro successivo che ha visto i giovani “azzurrabili” alle prese con prove di potenza ai pao dove i calci e i pugni venivano scaricati al massimo unendo in questi esercizi la velocità e la potenza. In pratica si simulavano i combattimenti con delle tecniche scelte. La potenza è nulla senza controllo per questo i Maestri hanno voluto vedere quanto i ragazzi riuscissero a dimostrare di controllare la tecnica nonostante l’eccessiva velocità e la strabiliante potenza.
Si è proseguiti con i combattimenti, una fase di divertimento per tutti i giovani ma anche per coloro i quali hanno potuto assistere a questo allenamento all’insegna dell’azzurro dove la fatica veniva scaricata e si metteva in pratica ciò che si era provato in precedenza per molto tempo. Duri combattimenti, divertenti, spettacolari ma non violenti.
La violenza è punita e gli atleti lo sanno bene. Nonostante quest’arte marziale preveda il contatto non prevede la violenza antisportiva. Serve essere sportivi per combattere, essere determinati ma non per questo scorretti.
Il giorno seguente i nostri atleti si sono recati a Patu (LE) per uno stage con tanti altri giovani amanti di questa disciplina.
Riscaldamento e varie combinazioni di braccia e gambe per poi passare alle forme.
Qui grazie alla Direzione Tecnica del M° Ianniello che esaminava e spiegava passo passo ogni singolo movimento delle numerose forme, si è potuto vedere quanto realmente fossero tecnico sia gli “azzurrabili” che tutti gli altri accorsi; ebbene la prova non ha lasciato a desiderare, al contrario, ogni atleta aveva uno stampo ottimo e il tempo giusto, muovendosi perfettamente in sincronia con il resto del gruppo dimostrando di essere meritevole di entrare a far parte della squadra.
Il pubblico a questo momento di incredibile spettacolo marziale ha risposto con un caloroso applauso anche se lo stage non era finito.
Infatti questo evento prevedeva anche la difesa personale tenuta dal M° Rocco Cito. Impeccabile la sua prova d’abilità nella difesa da coltello dimostrando quando è importante leggere anche i messaggi che il corpo di un aggressore c’invia involontariamente.
Elenchiamo però adesso coloro i quali hanno partecipato a questo strepitoso evento in ordine di grado: Antonio Inverso cintura nera 3° Dan Degree, Cosimo Baio cintura nera 3° dan Degree, Silvia Coppola cintura nera 2° Dan Degree, Francesco Toto cintura nera 2° Dan Degree, Rocco Cito cintura nera 1° Dan Degree, Elena Speranza cintura nera 1° Dan Degree, Antonio Paradiso cintura nera 1° Dan Degree, Pasquale Annunziata cintura nera 1° Dan Degree, Piero Quaranta cintura nera 1° Dan Degree, Cristian Iannone cintura nera 1° Dan Degree, Cosimo Mingo cintura nera 1° Dan Degree, Michele Pirelli cintura nera 1° Dan Degree, Antonio Provenza cintura blu superiore, Melania Vaccaro cintura blu superiore, Armando Ceraselo cintura verde superiore, Sara Soffientini cintura gialla superiore e Federica Paradiso cintura gialla.
In pratica un week-end emozionante per tutti i nostri atleti che ancora una volta hanno dato prova di essere sempre più in forma e sempre più pronti per l’evento che tutti stiamo aspettando: il G.T.F World Cup di Toronto.
Incrociamo le dita perché manca davvero poco ma questi attimi saranno solo il primo passo per un trionfo nel Taekwon-do e nella vita di tutti i giorni.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy