• Google+
  • Commenta
15 maggio 2008

Riscaldamento del pianeta: pericolo di desertificazione sottomarina

Il surriscaldamento generale del nostro pianeta e i conseguenti cambiamenti climatici stanno causando delle drastiche alterazioni anche nell’ecosistemIl surriscaldamento generale del nostro pianeta e i conseguenti cambiamenti climatici stanno causando delle drastiche alterazioni anche nell’ecosistema oceanico. Uno studio dell’Università di Kiel, in Germania, guidato dal professor Lothar Stramba e pubblicato la scorsa settimana su “Science”, dimostra come anche negli oceani l’aumento della temperatura sta causando una diminuizione della concentrazione d’ossigeno nelle acque e una desertificazione estesa del fondo marino. La conseguenza? Che molti organismi non riusciranno a sopravvivere per mancanza d’ossigeno. Gli scienziati hanno ricostruito la “storia” delle aree oceaniche degli ultimi cinquant’anni attraverso i dati sulla concentrazione d’ossigeno a diverse profondità. Prendendo poi in esame alcune aree più sensibili, come le regioni tropicali dell’oceano Atlantico, si sono accorti di come si stiano espandendo grandi aree sottomarine prive di ossigeno. La tendenza climatica in atto influisce sul ciclo del carbonio e dell’azoto, fondamentali per gli ecosistemi marini: per l’uomo il rischio più grande sono i danni che potrebbe subire la pesca, per alcuni paesi la principale risorsa economica e fonte di sussistenza.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy