• Google+
  • Commenta
14 maggio 2008

Verona: Se la cronaca ferisce … Riflessioni e testimonianze degli studenti

Dialogo, tolleranza, rispetto sono i valori ai quali si ispirerà la manifestazione “Se la cronaca ferisce…Riflessioni e testimonianze degli stuDialogo, tolleranza, rispetto sono i valori ai quali si ispirerà la manifestazione “Se la cronaca ferisce…Riflessioni e testimonianze degli studenti dell’Università di Verona” che si terrà giovedì 15 maggio a partire dalle 19.45 nel Cortile del museo Lapidario Maffeiano.
L’ateneo e gli studenti hanno lanciato l’iniziativa per dedicare a Nicola Tommasoli e alla comunità cittadina uno spazio in cui con testimonianze personali alternate a versi poetici, testi narrativi, e brani musicali si richiameranno i valori che sono alla base della convivenza civile.
Sarà una serata aperta al pubblico e ricca di emozioni in cui i giovani, tra studenti e ricercatori dell’ateneo, esprimeranno il loro pensiero di cultura come progetto di vita aperta agli altri, il più sicuro investimento contro ogni forma di dogmatismo, pregiudizio, discriminazione.
Si parlerà del valore della ricerca e della progettualità, della storia come memoria e come ponte per la costruzione del futuro, delle responsabilità che competono ad ogni singolo cittadino in quanto individuo di una comunità e della centralità di temi come poesia, parole e comunicazione.
Le testimonianze saranno accompagnate da alcuni brani musicali, mentre giovani artisti dell’Accademia Cignaroli tradurranno in immagini i racconti della serata.

Nella seconda parte, a partire dalle 20.45, il pubblico potrà seguire anche dal cortile del museo Lapidario Maffeiano il concerto “Note d’Argento” di cui saranno protagonisti i giovani musicisti – in gran parte studenti dell’ateneo – del Centro di Pastorale Universitaria. In concerto era già stato programmato quale evento del 25° anniversario dell’istituzione dell’università ed era inizialmente destinato, su inviti, ai sostenitori pubblici e privati dell’ateneo. Sarà invece offerto anche alla città, nella suggestiva ambientazione del giardino racchiuso dal porticato del museo Maffeiano, affidando alle note di Mozart. Schubert, Bassi, Grieg e Brahms il dolore e la speranza.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy