• Google+
  • Commenta
18 giugno 2008

Da Parigi l’ ultima scoperta sulle cause del fumo

Che fumare nocesse gravemente alla salute, provocasse tumori e cancro, già si sapeva. Solo da poco tempo però si è scoperto che gChe fumare nocesse gravemente alla salute, provocasse tumori e cancro, già si sapeva. Solo da poco tempo però si è scoperto che già il fatto di fumare in età giovanile brucia la memoria. Questa è la scoperta che di recente è stata pubblicata sulla rivista “ Archives of Internal Medicine ”. Lo studio ha dimostrato che fumare dai trentacinque ai cinquantacinque anni riduce le capacità di memoria rispetto alle persone appartenenti alla stessa fascia di età ma non fumatori. Una notizia confortante però è arrivata dall’ indagine svolta sugli oltre diecimila individui: gli ex fumatori col passare del tempo possono recuperare una parte delle capacità mnemoniche perse fumando sigarette.
L’ autore di questo interessante studio sulle conseguenze del fumo è Severine Sabia, dell’ Institut National de la Santé et de la Recherche Médicale, presso Villejuife, l’ ospedale che si trova accanto alla cattedrale di Notre-Dame di Parigi.
Il fumo dunque brucia la memoria e compromette le capacità cognitive di apprendimento, memoria e ragionamento, ma smettendo di fumare si può ovviare a tutta questa serie di inconvenienti.
Un recente studio ha inoltre rivelato che i fumatori incalliti possono imbattersi in forme di demenza senile, come il morbo di Alzheimer, con maggiori probabilità rispetto a quelli che preferiscono la salute al vizio del fumo. Sino ad oggi, sebbene si fosse speso tanto in termini di ricerca sul fumo e sugli effetti di queste, non si era mai parlato delle conseguenze del fumo in giovane età.
I ricercatori francesi sono arrivati a questi ammirevoli risultati dopo anni di studio, e dopo aver tenuto sotto osservazione un gruppo di individui tra i trentacinque e i cinquantacinque anni, e sottoponendo il gruppo a numerosi test sulle capacità cognitive.
A parità di età i fumatori totalizzano punteggi sempre inferiori rispetto ai non fumatori, e, sempre a parità di età, gli ex fumatori realizzato punteggi più alti dei fumatori: questo è il segno che col tempo è possibile migliorare delle situazioni che prima si credevano irrecuperabili.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy