• Google+
  • Commenta
17 giugno 2008

Giornata polare internazionale all’Università di Siena

Quattordici persone vivono ad 80 gradi sotto zero, nell’interminabile buio dell’inverno polare: si tratta di quattordici ricercatori – tra cui 6 italiQuattordici persone vivono ad 80 gradi sotto zero, nell’interminabile buio dell’inverno polare: si tratta di quattordici ricercatori – tra cui 6 italiani – che si trovano presso una stazione di ricerca internazionale, al Polo Sud, impegnati ad analizzare le modalità con cui le forme di vita si adattano all’ambiente che li ospita e a come riescano a sopravvivere a queste condizioni estreme.
Il 18 giugno, alle ore 15.00 presso l’Università di Siena (nel complesso didattico in via del Laterino), sarà possibile collegarsi in diretta con la stazione. L’ateneo ospiterà per l’occasione due ricercatori italiani che trascorsero l’inverno polare in Antartide, nel 2006.
Alle ore 15.45 si terrà una tavola rotonda sul tema “Terra e Vita”: il dibattito sarà introdotto dal rettore Silvano Focardi. Alle 17.30 l’attore Massimiliano Cividati, accompagnato da pianoforte e percussioni, metterà in scena lo spettacolo teatrale “Ghiaccio”, ispirato alla leggendaria spedizione in Antartide di Emst Henry Shackleton del 1907 nella quale, pur perdendo la propria nave, riuscì a trarre in salvo tutti i membri dell’equipaggio.

Google+
© Riproduzione Riservata