• Google+
  • Commenta
16 agosto 2008

Perché fare l’Erasmus

Ormai fare l’ Erasmus piace sempre di più. I giovani di tutta Europa, spinti non si sa da cosa, spirito d’ avventura, voglia di imbattersi in nOrmai fare l’ Erasmus piace sempre di più. I giovani di tutta Europa, spinti non si sa da cosa, spirito d’ avventura, voglia di imbattersi in nuove realtà, desiderio di conoscere una nuova lingua e chi più ne ha più ne metta, partono sempre più spesso per andare a studiare all’ estere. Fare l’ Erasmus è un esperienza formativa come ci ha spiegato Andrea, giovane studente della facoltà di Sociologia di Napoli ( Federico II ), appena tornato da un esperienza di studio di nove mesi a Parigi. “ All’ inizio ero molto indeciso se accettare o meno la borsa di studio vinta. Poi – prosegue Andrea – mi sono detto “ perché non provarci? ”, e subito ho preso la palla al balzo. Alla fine di questi nove mesi trascorsi a Parigi posso dire con sicurezza e convinzione di non aver sbagliato ad accettare la sfida ”. Si, perché per molti ragazzi l’ Erasmus, oltre ad essere un’ opportunità di studio, vuole significare anche sfidare se stessi, imparare a conoscere i propri limiti, e vivere grazie solamente alle proprie capacità. “ Ovviamente non ci sono solamente dei lati positivi nel fare l’ Erasmus. Vivere da soli, senza la mamma che ti cucina quando torni dall’ Università è difficile. Stando da solo ho imparato ad essere molto più responsabile di quello che ero, e non nascondo di essere molto soddisfatti dei traguardi che ho raggiunto ”.
L’ Erasmus in effetti va letto da due punti di vista differenti, con i suoi pro e i suoi contro. Tra le cose più belle che offre un’ esperienza del genere c’ è di certo la possibilità di mettersi a confronto con culture differenti dalla nostra, conoscere le etnie più variegati, gli usi e i costumi più bizzarri. “ Stando a Parigi – spiega Andrea – ho imparato ad essere più aperto nei confronti del prossimo e mi sono accorto anche quanto in Italia, purtroppo, ci sia una mentalità troppo chiusa e non troppo propensa all’ emancipazione ”.
…Riuscire a spiegare con un intervista fatta ad uno dei tanti fortunati studenti Erasmus quanto sia importante un’ esperienza del genere, sarebbe compito assai arduo, e non basterebbero decine di pagine per rendere l’ idea. L’ unica cosa che c’ è da fare è ascoltare il consiglio di Andrea: “ Fate l’ Erasmus, un momento importante di crescita ed un’ esperienza indimenticabile!”.

Google+
© Riproduzione Riservata