• Google+
  • Commenta
14 giugno 2011

Salute Pubblica

Workhop internazionale per definire le priorità transfrontaòiere ed europee

A Udine giovedì 16 e venerdì 17 giugno, nel polo di via Margreth

A confronto professionisti sanitari, esperti di pianificazione, funzionari pubblici da FVG, Slovenia, Carinzia, Veneto, Lombardia, province di Trento e Bolzano

Udine, 14 giugno 2011 – Fare il punto sulla salute pubblica negli Stati e nelle macroregioni dell’Unione Europea, attraverso un’analisi della promozione della salute, del controllo delle malattie e dei servizi sanitari, definendo, al contempo, le priorità di cooperazione e un’agenda comune per gli ulteriori sviluppi della sanità pubblica europea. Con questi obiettivi i prossimi giovedì 16 e venerdì 17 giugno Udine ospita, presso il polo umanistico-pedagogico dell’ateneo friulano, in via Margreth 3, l’“International Workshop of Public health priorities”, organizzato dall’Università di Udine in collaborazione con Sanicademia nell’ambito del Programma Interreg IV Italia – Austria. Parteciperanno professionisti sanitari, esperti della pianificazione e funzionari pubblici di delegazioni provenienti, oltre che dal Friuli Venezia Giulia, da Slovenia, Carinzia, Veneto, Lombardia e dalle province di Trento e Bolzano.

Il Workshop si aprirà alle 16 di giovedì 16 giugno con i saluti del rettore dell’ateneo friulano, Cristiana Compagno, e con gli interventi dell’assessore regionale alla Salute, Vladimir Kosic, su “Le prospettive europee della sanità pubblica”, e del direttore generale Prevenzione e Sanità del ministero della Salute, Fabrizio Oleari, su “Le politiche europee di promozione della cooperazione sanitaria pubblica nelle zone transfrontaliere”.

Il Workshop si colloca in un momento cruciale dal punto di vista dei nuovi scenari che si stanno sviluppando in Europa. Sono in discussione, infatti, le linee strategiche della UE in tema di sanità pubblica fino a 2020, oltre all’impatto che si prospetta dopo il via libera del Parlamento e del Consiglio d’Europa alla direttiva (9 marzo 2011) concernente l’applicazione dei diritti dei pazienti relativamente all’assistenza sanitaria transfrontaliera, e le cui disposizioni saranno attuate dagli Stati membri entro l’ottobre 2013.

«Le sfide della salute sono ormai globali – spiega Silvio Brusaferro dell’Università di Udine, coordinatore del Workshop – ed è essenziale che i sistemi sanitari dei vari Paesi siano in stretta comunicazione e siano sempre più’ coordinati tra loro». Da qui «la necessità di riunire – sottolinea Brusaferro – i principali attori dell’ambito territoriale di Triveneto, Lombardia, Slovenia e Carinzia per discutere dei cambiamenti e della futura gestione della sanità pubblica». Il Workshop, inoltre, «rafforzerà – conclude Brusaferro – la collaborazione tra gli Stati dell’Unione Europea in tema di sanità pubblica».

Google+
© Riproduzione Riservata