• Google+
  • Commenta
16 marzo 2012

Bari, 47 fuori sede multati per affitto in nero

La lotta all’evasione ha colpito ancora. Questa volta ha coinvolto gli studenti fuori sede e rispettivi locatori, per un totale di 362 affittuari denunciati e 47 universitari multati per complicità negli affitti in nero.

L’indagine della Guardia di Finanza nel capoluogo pugliese è partita nell’ottobre del 2010. Per scovare i furbi locatori, i finanzieri hanno dapprima raccolto gli annunci di affitto affissi nelle bacheche universitarie e le inserzioni pubblicitarie sui quotidiani locali.

In un secondo momento, grazie all’aiuto dell’Adisu che ha fornito i nominativi degli studenti dichiarati fuori sede, ha inviato a questi ultimi un questionario da compilare in via obbligatoria, nel quale si era chiamati ad indicare la propria situazione abitativa: il luogo di abitazione, l’ammontare del canone di affitto, il nome del proprietario di casa.

Attraverso l’incrocio dei dati ricavati dai questionari, delle informazioni reperite tramite gli annunci e delle dichiarazioni dei redditi dei proprietari degli immobili, i baschi verdi hanno dunque smascherato e denunciato 362 locatori che dallo scorso anno hanno evaso il fisco per un totale di 5,5 milioni di euro.

Brutte sorprese anche per 47 studenti, multati per non aver compilato il questionario, o per aver dichiarato dati falsi. Dovranno pagare oltre 200 euro.

L’affitto in nero è da anni una piaga per i giovani che decidono di frequentare l’università fuori dalla propria città: le spese da sostenere sono tante, prima fra tutte il costo della casa, o meglio, del posto letto. Alla cifra si devono aggiungere gli oneri per luce, gas, condominio, acqua, riscaldamento, trasporti, che rappresentano un’altra bella fetta del costo della vita da fuori sede. E poi, si dovrà pure mangiare.

Pagare un affitto in nero spesso rappresenta una soluzione di risparmio, altre volte, una scelta obbligata.

Resta comunque il fatto che di evasione fiscale si tratta. Evasore è il locatore, evasore è lo studente cha accetta l’affitto in nero. E’ il prezzo della complicità.

Google+
© Riproduzione Riservata