• Google+
  • Commenta
26 marzo 2012

Boom di telegiornaliste in Europa, ma le donne fanno notizia solo in cronaca nera

In occasione della festa della donna, l’8 marzo scorso, nella sede della Federazione Nazionale della Stampa Italiana è stata presentata e commentata una ricerca che ha monitorato la presenza della donna nell’informazione televisiva sia Iin Italia che in Europa. Lo stivale, purtroppo, si conferma il fanalino di coda per quanto riguarda lo spazio dedicato alle donne, a meno che non si tratti di cronaca nera.

Ma vediamo meglio :  nella televisione italiana soltanto il 10% degli esperti invitati e intervistati su qualsiasi tematica è donna. D’altro canto, però, le donne sempre più sono al centro dell’attenzione di dibattiti, rubriche dei tg, talk show e speciali televisivi quando sono vittime di episodi di cronaca nera.

Come i telespettatori avranno già notato e commentato in svariate occasioni, la ricerca svolta dall’Osservatorio di Pavia conferma che in  special modo nelle trasmissioni televisive italiane, le donne più “famose” sono le vittime di cronaca nera.

Solo “chi l’ha visto” ha dedicato decine e decine di puntate ad Annamaria Franzoni, Yara Gambirasio, Sarah Scazzi e le donne della sua famiglia, Meredith Kercher e la sua assassina Amanda Knox, Melania Rea, Roberta (attualmente ancora non ritrovata) e tantissime altre ancora.

Dal monitoraggio dell’Oerg (Osservatorio europeo sulle rappresentazioni di genere) presentato dall’Osservvatorio di Pavia, emerge ancora che le donne sono molto poco presenti nell’informazione politica: in Italia e in Inghilterra la presenza femminile raggiunge solo l’11%, , con l’eccezione della Francia, con una percentuale del 29%.

E anche fra giornalisti e giornaliste esiste ancora una forte disparità di genere: se non a livello quantitativo, poichè nel 54% dei casi i Tg sono condotti da donne, e l’Italia spadroneggia con il 58% di telegiornaliste, ma nella maggior parte delle testate giornalistiche prese in esame persiste una forte dicotomia fra ruoli di minor responsabilità, maggiormente ricoperti dalle donne e ruoli di potere e sicuramente più autorevoli, appannaggio dei colleghi uomini per la maggior parte.

I dati più significativi della ricerca dimostrano quindi che le donne sono meno di un terzo delle persone intervistate o al centro dei servizi nei tg europei, per la precisione sono il 29% (in Italia il 24%) . I telegiornali che danno maggiore visibilità alle donne sono quello francese (33%) e spagnolo (34%), insieme alla Francia (29%).

Google+
© Riproduzione Riservata