• Google+
  • Commenta
31 marzo 2012

Medinet: L’Umbria esporta Dieta Meditarranea

Ce la invidiano in tutto il mondo. I turisti vengono in Italia non solo per i monumenti ma anche per lei. E’ la più ricca, più sana e buona di tutte: è la nostra Dieta Mediterranea. Partendo anche da questi presupposti – che non penso siano soggettivi, seppure poco scientifici – l’Universita’ degli Studi di Perugia e dall’Universita’ dei Sapori inaugurano al Parlamento Europea una iniziativa davvero particolare e importante: “Medinet“, con l’intenzione di far conoscere meglio la nostra dieta in Europa. A presenziare alla presentazione del progetto, tenutosi a Bruxelles, erano presenti la presidente dell’Università dei Sapori la Senatrice Anna Rita FioroniGianni Pittella, primo Vice Presidente vicario.

La Dieta Mediterranea deve essere esportata nel resto dell’Europa per regolare lo sviluppo, la vita, l’ambiente e anche il mercato delle persone e dei paesi. Le persone devono essere educate all’alimentazione.  La questione verrà guardata e studiata da diversi punti di vista, con ricerche e piani di studio, dal medico-nutrizionale all’agro-alimentare, dall’ambiente fino ai mercati. Molti saranno gli scienziati e i progetti che si occuperanno del progetto Medinet, creando anche nuovi specialisti e studiosi della dieta più famosa e apprezzata del mondo.

Una iniziativa che coinvolge scuole, università, laboratori e anche le persone comuni, che saranno educate alla salute a al mangiare sano e regolato, cercando di combattere così l’obesità dilagante e, anche al contrario, la mala nutrizione che spesso porta ad anoressia o bulimia. Grazie alle Università dell’Umbria, finalmente, anche nel resto d’Europa potranno cantare: “Viva la pappa pappa pappa, col pomo-pomo-pomo-pomodoro!”

Google+
© Riproduzione Riservata