• Google+
  • Commenta
28 marzo 2012

Scoperta la proteina che fa cadere i capelli

Gli anni universitari sono stati per tanti maschietti, un periodo caratterizzato dallo stress, non solo dovuto all’esame “insuperabile” o al prof  “implacabile” ma anche e soprattutto causato da lunghi capelli lasciati sul cuscino o semplicemente scomparsi da crani trovatisi improvvisamente nudi o parzialmente tali, senza capirne  il triste perché.

Ad oggi è noto come la genetica e il testosterone, siano i principali nemici dei capelli per gli uomini, causando disagi non solo fisici ma anche sociali e di non-accettazione, a cui purtroppo la scienza non ha saputo fornire soluzioni (lozioni, fialette, e super shampoo , si sono dimostrati quasi sempre dei rimedi “leva-soldi ” più che dei “metti-capelli“).

L’ Università della Pennsylvania ha fatto una scoperta che purtroppo non ridarà lustro, volume e lucentezza a chiome ormai perse ma che, potrebbe rappresentare una speranza per chi di capelli è ancora provvisto e mira alla loro conservazione.

I ricercatori americani, analizzando aree della testa con e senza capelli, hanno scoperto nelle zone glabre, la presenza di una proteina, la prostaglandina d2 sintetasi, in grado a quanto pare di rendere improduttivi i follicoli determinandone il loro restringimento e la conseguente caduta del capello.

Lo studio effettuato, pubblicato su Science Translational Medicine, diventa quindi un utile campanello d’allarme per intercettare l’accumulo della proteina incriminata e poter intervenire per tempo, bloccando la sua azione restrittiva-distruttiva sul follicolo e prevenendo di fatto la calvizia.

Il prof. George Costarelis, a capo del gruppo di ricerca, ha spiegato come la crescita dei capelli venga impedita nel momento in cui la prostaglandina, si va a legare al recettore specifico presente nelle cellule dei follicoli capilliferi e di come, l’Università della Pennsylvania, stia al momento facendo delle ricerche volte a scoprire una sostanza che possa impedire questo legame.

Insomma, in attesa che venga scoperta la formula per ridare il sorriso a tanti uomini con problemi di calvizie, quelli con ancora in testa una capigliatura più o meno folta, ora hanno un alleato in più per conservarla al posto giusto e non su un triste cuscino.

Google+
© Riproduzione Riservata