• Google+
  • Commenta
30 aprile 2012

Donne dj cercasi

Anche il mondo della musica è notoriamente propenso al maschilismo, e non solo nella classica musica d’autore.

Esiste infatti un altro tipo di musica d’autore, molto apprezzata dai giovani soprattutto nelle discoteche, meno dagli amanti della musica in senso “classico”: techno, house, drum’n’bass, ma anche rock, soul e funk.

Ovvero, professione dj (disc – jockey), figura di spicco nel campo musicale, intrattenitore di ambienti che produce musica attraverso la tecnica del mixaggio, da sempre erroneamente considerata di facile produzione musicale e di basso profilo creativo, mentre in realtà, come la sua derivazione (da “to mix”, mescolare) dimostra, l’approccio e l’apporto creativo è lo stesso che si impiega nello scrivere una canzone ex novo. Mescolare canzoni fra loro trovando il giusto – appunto – mix non è facile.

Quello che è evidente è che il genere negli ultimi anni ha preso prepotentemente piede in tutto il mondo, sull’onda dell’amore per il ballo sfrenato del sabato sera (e non solo).

Da David Guetta a Bob Sinclar, da Carl Cox a David Morales e molti altri: i dj più pagati, ricercati e seguiti al mondo sono solo uomini.

Eppure le professioniste donne sono moltissime e non hanno nulla da invidiare ai loro colleghi uomini, anzi.

Rinomato è il female touch, tocco di sensibilità e sesto senso nella comunicazione diretta al pubblico. E l’aspetto estetico c’entra poco, o niente: è sicuramente utile nella promozione del personaggio, ma all’atto pratico per essere bravi dj bisogna avere una cultura musicale vastissima, consolidata e costantemente aggiornata, che nel tempo molte artiste donne hanno dimostrato di avere.

A tentare di rimediare al dislivello (o meglio assenza?) tra uomini e donne dj, ci prova “She Can DJ“, primo contest italiano alla ricerca di aspiranti dj donne.

Fino a fine giugno potranno caricare, su www.shecandj.it, la propria produzione originale o remix, che sarà poi valutato da una giuria di esperti.

La vincitrice avrà la possibilità di pubblicare un album con la Emi, etichetta promotrice dell’iniziativa, e di volare ad Ibiza, capitale mondiale dell’elettronica, per suonare nei locali e farsi conoscere.

“SheCanDj” è un’iniziativa australiana che ha designato prima vincitrice Rachel Phillips alias DJ Minx, adottata subito dall’Europa ma in anteprima dall’Italia. Il nostro paese, infatti, è da sempre uno dei punti di riferimento per la musica dance.

Al termine delle selezioni è previsto un tour delle dieci finaliste nelle discoteche italiane, che si concluderà a settembre con la pubblicazione del disco della vincitrice.

Come in ogni settore, non è il genere a creare distinzioni, bensì la professionalità, l’attitudine e il talento.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy