• Google+
  • Commenta
11 Maggio 2012

Mercoledì 16 maggio, corteo studentesco a Napoli

 

Mercoledì 16 maggio molti studenti e non, scenderanno in piazza per appoggiare l’iniziativa creata da L’Unione degli Studenti, l’associazione di stampo sindacalista, che agisce in tutta l’Italia, per la difesa dei diritti degli studenti.

La causa che spinge il gruppo ad agire è il continuo ed ininterrotto  taglio alla spesa pubblica, questa volta determinato dalla spending review, sistema immesso in Italia in seguito alla costituzionalizzazione del principio del Pareggio di Bilancio, che ha portato il governo ad optare per un ulteriore aumento delle tasse.

Ad animare i giovani studenti non vi è soltanto il tema del taglio alla spesa pubblica, ma anche quello dei cosiddetti Test Invalsi. Per tutti coloro che non ne fossero a conoscenza, questi test vengono proposti ai ragazzi del terzo anno delle scuole secondarie di primo grado. L’ente chiamato ad elaborare tali test e a valutare i relativi risultati è appunto l’Invalsi ( Istituto Nazionale   per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione), ente di ricerca dotato di personalità giuridica di Diritto Pubblico.

Il timore è quello che, tramite queste prove di valutazione si arrivi ad una “standardizzare” gli studenti, così come emerge, dal loro manifesto: “Il 16 maggio nelle scuole superiori si terranno infine i test INVALSI. Un pericoloso strumento di valutazione, che porta con se l’idea di standardizzare l’apprendimento su standard arbitrari penalizzando chi non li persegue.In quella giornata non staremo a guardare passivamente nelle classi lo svolgersi di una schedatura di massa, boicotteremo le prove e ci mobiliteremo energicamente. Non mancare!” (fonte unioneglistudenti.net)

La manifestazione avrà inizio alle 9,00 di  mercoledì; il corteo partirà da Piazza Garibaldi.

Per tutti coloro che fossero interessati alle attività dell’associazione e nello specifico a questa iniziativa, potranno trovare tutte le informazioni necessarie, seguendo l’associazione su i maggiori network.

 

Google+
© Riproduzione Riservata