• Google+
  • Commenta
26 Maggio 2012

Motta San Giovanni: al via la VII edizione di “Spring School in local development”

Ieri, 24 maggio, presso la Sala Consiliare del Comune di Motta San Giovanni è stato dato il via alla VII edizione del progetto Spring School in local development: Università nel territorio 2012.
Il progetto è stato proposto dall’associazione culturale Cinque Motte ed è stato promosso dal Comune di Motta San Giovanni. dSpring School in local evelopment nasce grazie al Dipartimento PAU dell’Università di Reggio Calabria.

Ad accogliere gli studenti della Facoltà di Architettura è stato il sindaco Paolo Laganà che ha descritto loro le risorse naturali che Motta San Giovanni è in grado di offrire. Successivamente hanno preso la parola i coordinatori del Laboratorio di valutazioni economico-estimative del Dipartimento PAU, i professori Lucia della Spina e Francesco Calabrò. Non solo. Ha partecipato anche Nino Stellittano, presidente di Cinque Motte e il coordinatore della Spring School Maurizio Malaspina il quale ha mostrato dettagliatamente l’esperienza di ricerca, illustrando il fine principale del progetto, ossia quello di costruire un piano di gestione del patrimonio di Motta San Giovanni.

A presiedere a quest’evento un’ospite d’eccezione, l’ing. arch. Maurizio Di Stefano, Presidente ICOMOS ITALIA, un’organizzazione non governativa referente dell’UNESCO. Nel suo intervento, egli ha sottolineato l’importanza della conservazione dei monumenti e l’importanza delle risorse fruibili.  «In Italia – sottolinea Di Stefano –  siamo bravissimi nella conservazione e nel restauro dei beni ma non dobbiamo dimenticare che una volta restaurati, i beni vanno valorizzati e gestiti». Si pensi al Castello S. Niceto, la preziosa fortezza bizantina.

A chiudere il convegno è stato il presidente di Cinque Motte Nino Stellittano affermando che: «Ho voluto far incontrare il Comune di Motta San Giovanni con il Dipartimento PAU dell’Università Mediterranea perché l’Associazione da me coordinata sposa in pieno gli obiettivi della Spring School ovvero quelli della valorizzazione e della fruibilità del territorio da parte di abitanti e turisti. Cinque Motte crede molto nelle potenzialità della città di Motta San Giovanni, per questo sta portando avanti l’ambizioso progetto del Palio. Siamo convinti che sia la cultura l’autentico attrattore turistico e collante collettivo».

Google+
© Riproduzione Riservata