• Google+
  • Commenta
15 Maggio 2012

Sesto Appuntamento di “Anatomie della mente e altre storie”

Sesto appuntamento della quinta edizione di

“Anatomie della mente e altre storie”

 

STARMAN!

David Bowie l’uomo che cadde sulla Terra: Un viaggio fantascientifico nel cronospazio attraverso le sue canzoni

 

Giovedì 17 maggio,  alle ore 16.30 al Teatro Anatomico della Biblioteca Ariostea

 

Sesto appuntamento giovedì 17 maggio alle ore 16,30  nella cornice del Teatro Anatomico della Biblioteca Ariostea, (via Scienze, 17), con la quinta edizione del ciclo “Anatomie della mente e altre storie. Sei conferenze di varia Psicologia” a cura di Stefano Caracciolo, Ordinario di Psicologia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Ferrara.

STARMAN! David Bowie l’uomo che cadde sulla Terra: Un viaggio fantascientifico nel cronospazio attraverso le sue canzoni. E’ questo il titolo dell’incontro che avrà come relatori Daniele Nanni e Stefano Caracciolo.  Nel corso della conferenza saranno eseguiti ‘unplugged’ alcuni frammenti esemplificativi delle canzoni di David Bowie.

 

E’ possibile ricondurre tutta la vita creativa di un artista multiforme come David Bowie, musicista e cantante, mimo con Lindsay Kemp ed attore cinematografico, pittore  e scultore, ad una fuga dalla malattia mentale? Come si sviluppa la sua camaleontica identità?

Lo studio psicobiografico di Bowie, basato essenzialmente sui testi delle canzoni più che non sulle fonti biografiche e di cronaca, naturalmente, più che mai in questo caso, poco attendibili, suggerisce che i fattori genetici dei disturbi mentali non siano una sentenza inappellabile e che gli artisti ‘toccati dal fuoco’ delle malattie mentali, anche se di striscio come David Bowie, possano poi trovare soluzioni differenti nella loro vita e sfuggire al destino. E, naturalmente, questo non vale solo per gli artisti ma per tutti noi…

 

Il programma, i relatori e gli abstract degli incontri sono pubblicati sul sito di Unife nella sezione dedicata ai cicli di conferenze scientifiche.

Google+
© Riproduzione Riservata