• Google+
  • Commenta
26 Maggio 2012

Università Magna Graecia: Eguaglianza, dignità e laicità nella Costituzione italiana

La città di Catanzaro è il centro dinamico per discutere su questioni politiche diffuse tra gli studenti. Alla sua seconda edizione, i “Giovani del Logos e dello Spirito” hanno partecipato gli studenti iscritti alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università della Magna Graecia per riflettere sulla tematica “Sogno di democrazia: le regole del gioco tra utopia e realtà”.

L’incontro è stato fortemente voluto dal Dipartimento di Scienze Giuridiche, Storiche, Economiche e Sociali in collaborazione con la Federazione Universitaria Cattolica Italiana (Fuci) di Catanzaro, l’Associazione Universitaria Calabrese “Ulixes” e l’Associazione forense “Diritto di Difesa”.

Invece, si è tenuto giovedì scorso nell’aula “Salvatore Venuta” del Campus universitario Germaneto di Catanzaro, l’incontro sul tema “Eguaglianza, dignità e laicità nella Costituzione italiana”. Un argomento tanto attuale quanto spinoso da affrontare e a presenziare l’incontro Luigi Mariano Guzzo, Consigliere della Fuci e gli interventi di Padre Felice Scalia, Donatella Loprieno, docente di Diritto pubblico all’Università di Catanzaro e Claudio Dionesalvi, docente e giornalista.

Decisa l’introduzione del Consigliere Guzzo, il quale ha aperto l’incontro puntando sui concetti di dignità della persona umana nella nostra Costituzione, legata al principio di eguaglianza e all’idea di laicità. Nell’intervento riportato su asca.it, Guzzo sostiene come “Una laicità concepita in modo positivo e non soltanto come salvaguardia delle diverse religioni e culture. La laicità è pure un metodo, uno stile di vita, uno spazio in comune da vivere insieme” ha concluso.

Tanti i punti di vista emersi nell’incontro: il padre gesuita Scalia ha ampliato il concetto di dignità umana e una riflessione sull’idea di uomo planetario: ognuno di noi oltre ad essere un singolo individuo è anche membro di una grande comunità che si chiama “mondo” all’interno del quale ha decisioni, diritti e doveri.

La giornata si è conclusa con i pareri esperti della docente Loprieno con una discussione molto più giuridica, citando proprio il principio di costituzionalità del diritto e della democrazia presenti nella nostra Norma Costituzionale vigente dal 1948 e del giornalista Dionesalvi, il quale sostiene che i principi di eguaglianza e laicità vadano inquadrati nella formazione base di ogni individuo: nel sistema scolastico.


 

Google+
© Riproduzione Riservata