• Google+
  • Commenta
30 Giugno 2012

Adidas: il modello di punta ritirate per razzismo

Adidas, si è vista in dovere di ritirare dal commercio la sua scarpa di punta: JS Roundhouse Mid, una sneaker, disegnata dall’eccentrico designer Jeremy Scott, il problema? Un messaggio razzista ed a favore della schiavitù. Appena pubblicata su facebook in anteprima, sarebbe dovuta essere in commercio per agosto, ha ricevuto molti consensi, ma successivamente si è creata questa polemica mondiale, e gli utenti avrebbero  minacciato anche il boicottaggio di tutti i prodotti del brend tedesco.

Il messaggio che Adidas voleva mandare era : «Il tuo allenamento è così intenso che vuoi legarti i piedi alle caviglie?» Ma quella catena arancione in morbida gomma, si avvicina troppo a quella di ghisa, cosi pesante a cui era costretti gli schiavi.

Adolf “Adi” Dassler, fondatore del marchio, in un comunicato ha dichiarato: “La scarpa non è altro che il punto di vista oltraggioso e unico di Jeremy Scott sulla moda, non ha niente a che fare con lo schiavismo. Ci scusiamo se qualcuno è stato offeso dal design del modello e ritiriamo ogni piano per renderle disponibili sul mercato.”

Se personalmente fossi stata in Dassler, non mi sarei scusata di aver offeso qualcuno, e tanto meno di aver lanciato messaggi razziali, perché la moda è soggettiva ed ognuno può interpretarla e crearla a piacimento, tuttavia mi sarei affrettata a scusarmi del pessimo gusto estetico della scarpa.

 

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy