• Google+
  • Commenta
10 giugno 2012

All’Università di Ferrara un ruolo fondamentale nella situazione di emergenza

Proprio così. E’ stata affidata all’ateneo ferrarese, sempre in coordinamento con le altre Università Emiliane, il compito di costituire squadre di tecnici per la valutazione dei costi per la messa in sicurezza degli edifici scolastici e per la loro eventuale ricostruzione, sempre sotto la supervisione dell’Ufficio Scolastico Regionale e tenendo conto delle verifiche di agibilità da parte della Protezione Civile.

Un ruolo di rilievo è svolto dall’ingegner Antonio Tralli, nonché professore ordinario di Scienza delle Costruzioni presso l’Università di Ferrara. Dovrò infatti essere in grado di coordinare i colleghi ingegneri delle Università di Bologna, Modena-Reggio, Parma e Piacenza, per cercare di organizzare al meglio tutte le iniziative e attività necessarie per cercare di superare questo momento destabilizzante in tutti i sensi

E’ stato il rettore Pasquale Nappi ad affidare tali incarichi dopo l’incontro della scorsa settimana presso la prefettura di Ferrara, al quale ha partecipato anche il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo, il quale ha anche visitato successivamente la sede centrale dell’Università in questione.

L’Emilia Romagna si mostra così una regione unita, mettendo al servizio del territorio le competenze tecniche e teoriche dei proprio atenei, garantendo un grande impegno sociale. L’ateneo diventa così una risorsa del proprio territorio, per il quale è costantemente al servizio anche con le proprio attrezzature per le attività di messa in sicurezza, ricostruzione e restauro.

Google+
© Riproduzione Riservata