• Google+
  • Commenta
12 giugno 2012

Ladri per fiction, denunciati per davvero

Tre studenti della IED denunciati per procurato allarme: la loro rapina era una fiction.
Comunque vada, sarà un successo, un esame superato a pieni voti.

Gabriele Fazzini, Simone Nocchi e Lorenzo Sun sono tre studenti viterbesi di 21 anni dell’Istituto Europeo di Design. Lorenzo e Simone sono dei registi in erba, Gabriele è aspirante attore.
L’ultimo esame era proprio quello di realizzare un cortometraggio: quale occasione migliore per dimostrare le proprie qualità? Viterbo è la città scelta per una sorta di crime story, il copione è quasi un classico: Simone sarebbe stato il rapinatore, completo di pistola e passamontagna, del ristorante cinese  del malcapitato Lorenzo.
Sicuramente la cornice è stata considerata fin troppo credibile e realistica, specialmente dagli ignari passanti passati vicino Porta Fiorentina, che hanno subito chiamato la polizia. La scena, fortemente intensa e drammatica, sembra, con il senno del poi, degna di un film comico : 6 volanti con 15 poliziotti, alcuni in borghese e altri in divisa, hanno circondato il ristorante e hanno ordinato ai tre di sdraiarsi a terra.
Da lì l’involontario coup de theatre di Simone, la battuta fulminea, degna di un film tragicomico: Era solo un cortometraggio, scusate!
Scuse che non sono bastate: i tre amici sono finiti in questura e sono stati denunciati per procurato allarme. Non è bastato a giustificarli la constatazione che le pistole erano banali armi giocattolo e la presenza di tutta l’attrezzatura necessaria per produrre il cortometraggio.
Siamo stati identificati ed è scattata la denuncia per procurato allarme – dicono Lorenzo e Simone in un’intervista rilasciata su TusciawebCi hanno detto di nominare un avvocato e aspettare la convocazione dal giudice. Da un lato ci dispiace di aver creato questo inaspettato trambusto. Dall’altro, siamo quasi contenti. Persino i poliziotti ci hanno detto che il film verrà benissimo: era tutto molto realistico. Forse anche troppo….
Se questi sono gli esordi, la loro sarà una carriera sicuramente ricca di soddisfazione. In bocca al lupo da Controcampus!

Google+
© Riproduzione Riservata