• Google+
  • Commenta
29 giugno 2012

L’Italia costruirà il nuovo Telescopio dell’Eso

L’Italia parteciperà al progetto finalizzato alla realizzazione dell’European – Extremely Large Telescope (E-Elt) e continuerà a sostenere economicamente, in qualità di membro dell’Eso, le attività di ricerca nel settore astronomico.

La notizia è stata divulgata durante l’Eso-Industry day, il simposio che si è svolto venerdì 22 giugno presso il Ministero degli Affari Esteri.

L’E-Elt è il progetto europeo che prevede l’edificazione sulle Ande del Cile di un telescopio ottico munito di uno specchio centrale con un raggio di 20 metri.

Si tratta della costruzione del telescopio più grande e potente al mondo che permetterà di compiere un sintomatico progresso nello studio dello spazio.

Giovanni Bignami, presidente dell’Istituto Nazionale d’Astrofisica, ha dichiarato in un’intervista concessa all’ansa: “Tra gli Stati che aderiscono all’ESO vi è un’ampia maggioranza a favore della realizzazione di E-ELT e devo dire con soddisfazione che l’Italia ha svolto un ruolo determinante per l’approvazione del progetto. Il nostro Paese è totalmente favorevole alla costruzione di quest’avanzatissimo telescopio, ma deve ancora aggiustare la propria allocazione finanziaria, cosa che avverrà nel corso di quest’anno, per poterlo finanziare”.

 

 

Google+
© Riproduzione Riservata