• Google+
  • Commenta
17 giugno 2012

Musica alla Sapienza con il progetto MuSa

Il 22 e il 23 giugno, nel cortile di Palazzo Massimo, le orchestre della Sapienza, MuSa Classica e MuSa Jazz, dirette dai maestri Francesco Vizioli e Silverio Cortesi, con la collaborazione del coro di MuSa, diretto per l’occasione da Giuppi Paone, presenteranno la commedia musicale L’Osteria di Mastro Titta, ovvero “Rugantino…vent’anni dopo“, ispirata alle melodie di Armando Trovaioli. La maschera del Rugantino fu tradotta in commedia musicale nel 1962 e presentata al Sistina di Roma. 

Lo spettacolo si svolgerà nell’ambito della manifestazione Festa Europea della Musica, giunta alla XVIII edizione, alla quale da alcuni anni partecipano con successo le orchestre del progetto Musica Sapienza. Il progetto MuSa è stato avviato nel 2006 per iniziativa dell’allora Rettore Renato Guarini, opera col supporto di una Commissione ad hoc nominata dal Magnifico Rettore Luigi Frati e costituita attualmente dai docenti Franco Piperno (Presidente), Eugenio Gaudio, Piero Marietti, Paolo Camiz, Nicoletta Ricciardi, Antonio Rostagno, dalla responsabile del Settore eventi celebrativi e culturali Donatella Carini e dal rappresentante degli studenti Pietro Lucchetti. MuSa ha sei anni di vita, ricchi di intense attività e significativi risultati: con l’istituzione di orchestre dell’Ateneo, gruppi strumentali e altre formazioni musicali costituite da studenti, docenti e personale amministrativo si è voluto contribuire a promuovere conoscenza, cultura, formazione e solidarietà all’interno della comunità accademica della Sapienza. Partecipano al progetto persone dotate di competenze tecniche le più varie – dall’amatore orecchiante al diplomato di conservatorio – ma sorrette da una forte motivazione a investirle in attività di musica d’assieme caratterizzata dal senso migliore attribuibile al lemma ‘diletto’: condividere, con persone che vivono nella stessa città universitaria, la musica per il piacere di farlo e nella convinzione del profondo valore culturale ed umano di questa attività.

L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.
Info
Settore eventi celebrativi e culturali
Sapienza università di Roma
T (+39) 06 4991 0656
eventisapienza@uniroma1.it

Google+
© Riproduzione Riservata