• Google+
  • Commenta
4 giugno 2012

Tribù musicali e paesaggi sonori

Musica e ospiti d’eccezione. Questa l’esplosiva combinazione di cui si condirà l’ultimo appuntamento della rassegna settimanale ospitata dalla Sapienza (www.uniroma1.it) , che prende il nome di “Martedì d’autore – Laboratorio di cultura moderna”.

Nell’appuntamento di Martedì 5, il tema centrale sarà la Sociologia della Musica. La capacità della musica di penetrare a qualunque livello del substrato sociale è da tempo argomento di grande interesse. Essa lo penetra e contribuisce in maniera sostanziale a costruirlo, ed è proprio questa sua capacità che affascina da sempre.

Numerosi e sempre più eclatanti sono gli esempi di come la musica sia parte nonché costruttrice delle società di ogni epoca e di come i linguaggi che utilizza siano un valido strumento per riuscire a decodificare le società che mutano col cambiare delle generazioni.

L’incontro partirà dall’analisi del libro “Sociologia della Musica. La costruzione sociale del suono, dalle tribù al digitale” di Lello Savonardo, professore dell’Università di Napoli “Federico II” (www.unina.it), che sarà il primo importante ospite nonché relatore del suo libro, a partire dal quale farà una attenta analisi di questo connubio tra linguaggi musicali e substrato sociale.

Il mediatore dell’evento sarà Francesco D’Amato, docente del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale (www.coris.uniroma1.it) che coordinerà gli interventi di altri illustri ospiti, tra cui: Mario Morcellini, Direttore del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale, Derrick de Kerckhove, docente dell’Università di Napoli “Federico II” e come special guest ci sarà Alex Britti (www.alexbritti.com), noto cantautore italiano, che si farà portavoce di questa nostra “società musicale”.

L’appuntamento è Martedì 5 Giugno, alle ore 18, nell’Aula Magna del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale, via Salaria 113.

Il primo ateneo romano si fa portatore di Musica, Cultura e Società. Un trittico imperdibile

Google+
© Riproduzione Riservata