• Google+
  • Commenta
18 luglio 2012

Andrea Cristofoli si aggiudica il “Bronze leaf”

Udine, 18 luglio 2012 – Andrea Cristofoli, ventottenne di Spilimbergo e dottore di ricerca nel Dipartimento di Ingegneria elettrica, gestionale e meccanica dell’Università di Udine, ha ricevuto il riconoscimento “Bronze leaf” (“Foglia di bronzo”) nell’ottava edizione della conferenza internazionale “Prime: Conference on Ph.D. Research in Microelectronics & Electronics”, tenutasi recentemente ad Aquisgrana, in Germania.

Il premio è andato al lavoro di Cristofoli intitolato “Improved modeling of intersymbol interference in high speed serial links”, riguardante lo sviluppo di interfacce di comunicazione ultra veloci, da utilizzare in automobili di ultima generazione e di fascia alta di gamma, per distribuire all’interno della vettura e dell’abitacolo sia i segnali di controllo (ad es. motore, trazione, ecc.) sia servizi di intrattenimento dei passeggeri, risparmiando sul numero di fili e cablaggi.

Nell’ambito della sua ricerca Cristofoli collabora con un team internazionale il cui obiettivo finale è progettare interfacce più veloci tra i vari dispositivi elettronici posti in un’automobile, considerando che l’ambiente dentro l’auto non è come quello in cui operano comunemente i circuiti elettronici, date le elevate temperature e la presenza di forti disturbi. In particolare Cristofoli ha il compito di organizzare la modellistica delle interfacce, cioè sviluppare dei “software” in grado di predirne le performance.

«L’elettronica gioca un ruolo sempre più fondamentale nelle moderne automobili – spiega Pierpaolo Palestri, docente di Elettronica presso l’Ateneo friulano – e le aziende automobilistiche e di componentistica elettronica stanno investendo significativamente nella ricerca e sviluppo per includere sempre più funzioni». In questo settore, detto “Automotive”, è attiva anche l’Università di Udine. «In particolare, l’attività di dottorato di Andrea Cristofoli – sottolinea Palestri – è svolta nell’ambito di una ormai più che decennale collaborazione col centro di progettazione di Infineon Technologies a Villach (Austria) che ha interessato, e nel corso degli anni sostenuto, tre tesi di dottorato e circa una decina di tesi di laurea specialistica in elettronica. Nel design center di Villach hanno poi trovato negli ultimi anni lavoro, in posizioni anche di rilievo, circa una decina di laureati in Ingegneria elettronica dell’Ateneo friulano».

La conferenza internazionale “Prime”, focalizzato sulla microelettronica e l’elettronica, consente ogni anno agli studenti di dottorato a livello europeo che lavorano nel campo della microelettronica di presentare le loro attività di ricerca, incoraggiando la condivisione di esperienze scientifiche e incentivando nuovi contatti tra giovani ricercatori con istituzioni e aziende per la realizzazione di attività congiunte.

Google+
© Riproduzione Riservata