• Google+
  • Commenta
25 luglio 2012

Il concerto dell’Orchestra Latin dell’Università degli Studi di Salerno

 

Sonorità mediterranee, ritmi latini in un tragitto di alto spessore artistico tra classicità del jazz e nuove contaminazioni, tutto dedicato alla musicalità mediterranea con due ospiti d’eccezione il cubano Pepe Rivero ed il colombiano Alvaro Martinez. Sono gli ingredienti del concerto dell’Orchestra Latin dell’Università degli Studi di Salerno, capitanata dal sassofonista Stefano Giuliano in programma venerdì 27 luglio a partire dalle ore 22.30 sul palcoscenico all’aperto del Lido La Conchiglia di Salerno,  nell’ambito della rassegna MoroINSummer, il cartellone musicale di jazz ideato da Gaetano Lambiase  alla direzione artistica del Moro con il patrocinio del Comune di Salerno.
Il sassofonista, compositore ed arrangiatore salernitano, accoglierà sul palcoscenico in riva al mare come guest della serata il virtuoso pianista cubano Pepe Rivero  (che ha suonato con Celia Cruz, Paquito D’Rivera, Lucrecia e Albita) ed il cantante-ballerino, una delle figure più rappresentative della musica latina in Italia, ALVARO HUGO ATEHORTUA MARTINEZ.

Sonorità afroamericane per dare spazio ai ritmi dell’orchestra diretta dal maestro Stefano Giuliano, che presenterà un programma tutto ispirato alle sonorità latine attraverso un viaggio nella musica del sud del mondo, nella musica latina in special modo quella nata in Brasile, Colombia e Cuba.

La formazione  di oltre 20 elementi diretta dal Maestro Stefano Giuliano proporrà un repertorio con composizioni della tradizione latino-americana dei compositori classici come Tito Puente, Irakere, Rodriguez etc. concentrando gran parte dello spettacolo al folklore di stampo colombiano dove Alvaro Martinez esprime il meglio di sé e all’inconfondibile tocco, dallo stile molto personale del pianista cubano Pepe Rivero. La musica che Pepe Rivero compone e suona è puro jazz latino, rifacendosi alle sue radici cubane evidenti in ogni composizione anche quando l’atmosfera brasiliana o il carattere del flamenco ne determinano il suono.

 

Google+
© Riproduzione Riservata