• Google+
  • Commenta
17 agosto 2012

Come cambia l’Odg: approvato il DPR sulla riforma delle professioni

Il 3 agosto il governo ha approvato il DPR sulla riforma delle professioni, in cui sono contenute in  molte norme che riguardano l’Ordine dei giornalisti, ma non per quanto riguarda la struttura dell’ODG, visto che rimarranno i due elenchi, l’albo dei professionisti e dei pubblicisti.

Gli Albi, costituti su base regionale, dovranno contenere i dati anagrafici degli iscritti e devono essere pubblici. Oltre alle informazioni personali, qui verranno annotati anche “i provvedimenti disciplinari nei loro confronti“. I singoli Albi regionali dovranno poi convergere nell’invio telematico al Consiglio nazionale, che dovrà pubblicare l’elenco generale degli iscritti.

Per quanto riguarda la norma sull’assicurazione, i giornalisti non sono tenuti a stipularne necessariamente una. Il contratto tra loro e l’editore si crea “di fatto” già solo con l’offerta di un servizio da parte del collaboratore, che viene perfezionato poi con l’accettazione e la pubblicazione dello stesso.

L’articolo 7 della Riforma dell’Odg riguarda la formazione: il Cnog dovrà predisporre il regolamento entro un anno, per i corsi da attivare, che dipendono dal parere “favorevole” del ministro. Il Cnog ha già trasmesso il regolamento al Ministero, ma dovranno essere coivolti anche gli altri enti di categoria. Resta fermo, però, che il Ministero avrà un parere “vincolante” sull’autorizzazione che il Cnog dovrà dare a enti o associazioni terze per l’attuazione dei corsi di formazione. I problemi sorgono sui costi che la formazione comporta: non è chiaro come possano essere affrontati e a carico di chi saranno. Le regioni “possono” concedere fondi per i corsi di formazione ma non è stato previsto alcun obbligo di organizzare corsi di formazione per le regioni.

Per quanto riguarda la deontologia, nascono dei nuovi organi: i collegi di disciplina territoriali, composti da tre  giornalisti, membri presieduti dal più anziano per iscrizione all’Odg mentre il più giovane ne sarà il segretario, tutti designati dal presidente del Tribunale che li sceglierà in una rosa di sei giornalisti forniti dal Consiglio regionale. Presso il Consiglio nazionale, che non avrà più competenze disciplinari,sarà costituito un collegio di disciplina, con un apposito regolamento, da approvare entro 90 giorni e che dovrà avere il “parere favorevole” del ministro. E’ da sottolineare che fino all’insediamento dei collegi, territoriali o nazionale, restano valide le procedure attualmente in atto.

Per quanto riguarda i praticanti, resta in vigore il registro dei praticanti per ogni Ordine regionale, in attesa che la riforma stabilisca un diverso titolo di studio (la laurea) per adesso valgono le norme attualmente vigenti. Per il resto, il praticantato giornalistico va retribuito secondo i parametri contrattuali e rappresenta un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, e non impone l’esclusiva della firma.

Il comma 9 dello stesso articolo stabilisce che il tirocinio non possa durare più di sei mesi grazie a corsi di formazione. Entro un anno dall’entrata in vigore del decreto, il Cnog dovrà emanare il regolamento per la formazione dei praticanti e la permanenza dei loro dati nei registri (3 o 5).

Infine è in fase di valutazione una possibile riforma organica di una legge che il prossimo anno compirà 50 anni, a cominciare da nuove regole per l’accesso alal professione e una maggiore qualificazione culturale e tecnica dei nuovi giornalisti.

Foto da: agenziaimpress.it

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy