Esami a distanza, università: tra stress e controlli del professore

Mario Ragone 9 Novembre 2020

Esami a distanza, università online: come funziona per la didattica da remoto, istruzioni per gli studenti dal Business Coach Stefano Tassone.

Con il diffondersi della pandemia a livello globale sono mutati diversi contesti tra cui il più dibattuto è sicuramente quello scolastico. A livello educativo non è facile portare avanti lezioni ed esami a distanza.

Come funziona quindi l’università online e la didattica da remoto? O ancora come porsi per fare bella figura con i docenti? Esami telematici, prove scritte online ed esami orali a distanza che costringono studenti e docenti a rifarsi a nuove regole da seguire. Ecco che si rendono per tanto indispensabili corrette istruzioni e un’idonea formazione che miri al buon uso dello strumento virtuale. Un conto è infatti sostenere una prova orale in presenza, ben diverso è fare altrettanto tramite computer. Basti pensare ai fattori di stress relativi a controlli del prof o presenza di altri candidati.

Si pone dunque l’esigenza di seguire una serie di indicazioni per svolgere al meglio la didattica online: specie gli esami universitari a distanza. Fino a quando si porterà avanti questa alternativa alla didattica in presenza dipende poi dagli sviluppi legati al Covid. A prescindere da quest ultimo, però è importante comprendere l’idoneo utilizzo dello strumento digitale per videolezioni e prove orali.

A tal fine abbiamo coinvolto la figura di un esperto, il Business Coach & Soft Skills Trainer, Stefano Tassone. Insieme a quest ultimo svilupperemo la questione soprattutto dal lato degli studenti, per cercare di delineare le fondamenta del come porsi ed affrontare esami a distanza o prove da remoto.

Come affrontare gli esami a distanza all’università: come porsi per fare bella figura con i docenti

Iniziamo dal come affrontare gli esami a distanza all’università, ovvero come porsi per fare bella figura da remoto. Premesso che si tratta di una condizione eccezionale poichè legata alla pandemia, è comunque utile una guida. Una serie di istruzioni, quindi, non solo legate alla pratica online ma anche in presenza. Seguiamo per tanto, in merito alla suddetta tematica, le parole del Business Coach & Soft Skills Trainer, Stefano Tassone:

“Intanto credo valgano le regole base per qualsiasi tipo di comunicazione fatta da remoto. Che sia un meeting tra colleghi di lavoro, o un colloquio o un esame non fa differenza. Per tanto è opportuno evidenziare delle regole base di chiarezza e semplicità di comunicazione a distanza. Essere essenziali è fondamentale per fare bella figura e porsi bene in occasione di una prova orale. Altro consiglio pratico è quello di preferire un’inquadratura che in qualche maniera lasci intendere che nello spazio della stanza in cui si trova il candidato/studente non figurino altre persone. Un mezzo busto, dunque, che faccia vedere bene il viso, essendo quest ultimo il focus principale da parte del docente, ovvero l’interlocutore in questo caso specifico” – sostiene il Coach Tassone –

“Anche la luce è importante – prosegue – preferire dunque un’inquadratura che illumini correttamente il volto è un dettaglio non da poco. Basta fare delle prove preventive per applicare l’accorgimento in questione. Inoltre è opportuno guardare sempre l’obiettivo della videocamera e non altrove. Questo perchè guardare in faccia l’interlocutore nello schermo anzichè fissare gli occhi verso la cam significa porre il docente, in questo caso, nella condizione di vedere lo studente che guarda verso il basso. Errore da non commettere per evitare di apparire poco sicuri o impreparati. Detto ciò è altresì importante, ma questo va da sè, il know-how e l’acquisizione degli elementi di studio da parte del candidato”.

Esame online all’università tra stress e controlli del prof

Spostiamo ora l’attenzione per ciò che riguarda l’esame in remoto che pare aver salvato l’università sulle condizioni di stress e i controlli del professore. Per analizzare questi fattori ancora una volta seguiamo le parole del Trainer Stefano Tassone:

“In tal caso bisogna partire da una domanda: cosa genera stress nello studente in caso di esami a distanza e non in presenza? Beh, direi intanto di lasciar da parte la tensione che generalmente si ha per una prova orale. Quindi la paura di non essere all’altezza, o esaustivi nelle risposte, o ancora del livello di preparazione personale. Questi timori permangono a prescindere dal fatto che la pratica si sviluppi in presenza o da remoto. Di conseguenza prenderei maggiormente in considerazione come fattore l’inesperienza del trovarsi in una condizione simile. Non tutti hanno sufficienti ore di volo nella modalità di comunicazione online, per cui ci si può trovare fuori dalla zona di comfort” – spiega il Business Coach Tassone –

“Mentre il sostenere un esame in presenza – prosegue – comporta il trovarsi in uno spazio fisico con il docente ed altri candidati, da remoto ci si ritrova nel proprio habitat, a casa, senza distrazioni. Questo è un primo elemento di differenza che lo studente può prendere in considerazione per far calare il proprio livello di tensione. Un comportamento da evitare è invece il tenere a portata di mano appunti o schemi per l’esame in oggetto. Il buttare un occhio a riassunti e quindi farsi tentare potrebbe indurre il docente a carpire la distrazione tramite lo spostamento dello sguardo del candidato dall’obiettivo della cam. Ultima indicazione interessa poi il look: curare un minimo l’immagine è un fattore che vale sempre”.

Guida pratica per svolgere esami a distanza all’università

Riepiloghiamo di seguito le indicazioni per una guida pratica per svolgere gli esami a distanza all’università:

  • Usare una comunicazione essenziale, chiara e diretta;
  • Impostare un’inquadratura della cam che permetta di guardare l’interlocutore occhi negli occhi;
  • Evitare di guardare altrove o abbassare lo sguardo ma mirare diritti nell’obiettivo della videocamera per apparire sicuri di sè;
  • Sfruttare la mancanza di distrazioni presenti nella propria casa come elemento per far calare la tensione;
  • Non tenere a portata di mano appunti o riassunti che potrebbero distrarci ed insospettire il docente/interlocutore;
  • Curare il look anche se da remoto poichè indice di rispetto per il contesto e l’interlocutore oltre che elemento di giovamento;
  • Illuminare correttamente la stanza in cui si svilupperrà l’esame da remoto per favorire la chiarezza dell’immagine in cam.
© Riproduzione Riservata
avatar Mario Ragone Sono Mario Ragone, redattore web con formazione in Comunicazione Audiovisiva e Mediale. Ho grande passione per il Social Marketing e l'informazione a 360°. Mi occupo, infatti, di argomenti di vario tipo che spaziano dalla Cultura come Cinema e Televisione all'Economia, dalla Medicina allo Sport fino al mondo di motori. Penso che avere un'idea su molteplici tematiche della nostra vita, ci permette di passare dall'una all'altra con grande versatilità mentale, una condizione questa che rende una persona libera nell'esprimersi, senza farsi fuorviare o condizionare. Capacità critica di discernimento ed autonomia di pensiero sono per me gli unici due elementi che ci rendono realmente liberi dalla schiavitù dell'ignoranza. Approfondisco le mie rubriche con intervento di esperti e professionisti del settore di cui scrivo. Leggi tutto