• Google+
  • Commenta
19 agosto 2012

Il decreto semplificazione funziona: dimezzati i certificati

Il ministro Patroni Griffi ha tenuto a sottolineare, con una nota sul sito del ministero della Pubblica Amministrazione, che “I dati del monitoraggio dimostrano che si è verificato un drastico crollo nell’emissione dei certificati, in particolare quelli anagrafici. Ciò significa che gli interventi di semplificazione del Governo stanno sensibilmente migliorando la vita degli italiani, evitando loro code e file o il giro inutile degli uffici per rimediare un pezzo di carta.

Il Dipartimento della Funzione Pubblica, in collaborazione con ANCI e ANDIGEL, ha realizzato un’indagine – qui i sirultati – che ha interessato un campione di 88 comuni nell’arco dei primi quattro mesi dell’anno e che ha sottoposto a monitoraggio la riduzione delle esclusive certificazioni anagrafiche e di stato civile.

Per quel che riguarda la riduzione dei certificati anagrafici è stata rilevata una impressionante flessione media che sfiora il 54%. Il trend evidenzia una riduzione progressiva che va dal 48% di gennaio 2012 al 59% di aprile dello stesso anno con ottime speranze di ulteriore aumento. Analizzando i dati si si osserva un passaggio da una media di 0,53 certificati per singolo abitante nel 2011, 1 ogni 2 anni, a una media di 0,25 nel 2012, 1 ogni 4 anni.

I dati sono incoraggianti anche per la riduzione dei certificati di stato civile che, anche se inferiore, è stata comunque del 37%. Anche in questo secondo caso, il trend di riduzione è in crescita, passando dal 30% di gennaio 2012 a circa il 42% di aprile 2012. Si passa, quindi, da una media di 0,30 certificati per abitante nel 2011, 1 ogni 3 anni, a una media di 0,19 certificati per abitante nel 2012, 1 ogni 5 anni.

Visti i dati, secondo il Ministero è più che ragionevole stimare una importante riduzione di almeno 24 milioni di certificati anagrafici e di stato civile entro la fine del 2012. Un notevole risparmio di carta ma soprattutto di tempo per i cittadini che spesso in passato si sono visti costretti a perdere giorni di ferie per poter avere un singolo documento.

Secondo il ministro “Tutto ciò dimostra che un Paese con meno burocrazia è un Paese migliore e, dunque, siamo incoraggiati a fare di più con una nuova ondata di semplificazioni che arriverà subito dopo l’estate“.

Fonte foto: http://finanza.it.msn.com/

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy