• Google+
  • Commenta
13 agosto 2012

Impazza la moda-necessità del secondo lavoro

Sempre più italiani sono alla ricerca di un secondo lavoro per necessità. E tanti cercano il primo. Ma su quale tipo di attività si concentra la ricerca della seconda occupazione? Di certo su professioni che non vadano ad interferire con quella principale che già si svolge, e che possa permettere di guadagnare quel tanto in più tale da arrotondare la paga primaria. Infatti, nella maggior parte dei casi, lo stipendio del primo lavoro non basta, e quindi ci si adopera nella ricerca di un’altra attività lavorativa.

Dunque, il secondo lavoro è solitamente part time, consente dei piccoli guadagni, e si può svolgere anche da casa. Tuttavia, alle volte la seconda attività lavorativa può essere svolta anche al di fuori della propria abitazione. Basti al lavoro  di barista, a quello inerente la  vendita di prodotti e ancora da lavori del settore dei servizi di pulizia.

Chi è dotato di abilità manuale e/o creatività risulta essere avvantaggiato. In particolare le donne possono creare gioielli, oggetti per la casa, e simili. E possono svolgere queste attività comodamente dalla propria abitazione, anche con l’ausilio del pc per vendere online ciò che creano. Appunto, per i creativi, le opportunità non mancano, e solitamente sono legate al telelavoro.

Diffusissima è l’attività di articolista via web, di collaboratore freelance, di recensionista, e affini, in svariato campi  settori, a seconda della propria passione:  chi è appassionato di cinema, di cucina, di shopping, di moda, di make-up, di tv, può realizzare delle recensioni o cercare online delle società che danno la possibilità di diventare “mistery shopper”. O ancora creare un proprio spazio virtuale, un blog, un canale You tube, una pagina su qualche social network, e tentare di farsi conoscere e avere sempre più followers o comunque persone che seguono ciò che si fa e si scrive.

In questo modo, se si è bravi, fortunati, e molto seguiti, si può ottenere qualcosa dalla pubblicità oppure si può sperare di essere contattati da qualche azienda operante nel settore di interesse (tipo una casa di cosmetici, o di prodotti alimentari, di libri, e così via).Inoltre, è possibile lavorare da casa offrendo ripetizioni e lezioni private in materie scolastiche, svolgendo attività di baby sitter o dog sitter, riparando o realizzando abiti.

 

 

Immagine tratta da comesipronuncia.it

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy