• Google+
  • Commenta
5 agosto 2012

L’Antartide Tropicale

Chi l’avrebbe mai detto. 52 milioni d’anni fa l’Antartide era una landa tropicale, ricoperta di boschi e pullulante di fauna. Lo rivela uno studio coordinato dalla ricercatrice Carlota Escutia dell’Istituto Scientifico dell’Andalusia. La scoperta è stata effettuata in seguito al rinvenimento di alcune tracce di polline, al di sotto delle cappe di ghiaccio. Secondo la ricercatrice spagnola, la presenza di questo polline ci permette di arguire che durante l’epoca dell’Eleocene le temperature invernali superavano i 10 gradi; mentre l’interno dell’Antartide, invece, era meno caldo.

Secondo la Escutia, lo studio (pubblicato su: www.nature.com) ha il pregio di evidenziare alcune peculiari conformazioni geologiche del Pianeta Terra, quindi, di aiutare l’intera comunità scientifica a comprendere il reale impatto del riscaldamento globale. Al di là dei dati forniti dallo studio Andaluso, bisogna dire che già qualche tempo fa, una ricerca espletata da due ricercatori svizzeri dell’Istituto per l’Atmosfera e il Clima dell’Università di Zurigo aveva messo in luce, attraverso una proficua cornice di dati, che la principale causa del riscaldamento globale fosse l’attività umana.

Le emissioni nocive d’anidride carbonica sono prodotte per il 74% dall’uomo. Il restante 26% di co2, invece, potrebbe derivare dalle radiazioni emesse dal Sole e dalle cicliche mutazioni climatiche terrestri.

Fonte Foto: http://it.paperblog.com

Google+
© Riproduzione Riservata