• Google+
  • Commenta
16 settembre 2012

Aids: tanti virus, un solo vaccino

La Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (Aids) è sicuramente una delle malattie più diffuse a livello globale e, purtroppo, è anche una delle più letali. Secondo alcuni dati risalenti al 2010, sono circa 38,6 milioni le persone contagiate dal virus dell’Hiv, mentre l’aspettativa di vita diminuisce drasticamente col passare degli anni, soprattutto nei paesi più colpiti, come l’Africa subsahariana e l’India.

Fermare la strage che questa patologia provoca quotidianamente nel mondo intero è l’obiettivo principale di moltissimi medici e ricercatori, che tentano in ogni modo di trovare un vaccino in grado di ridurre notevolmente le probabilità di contrarre il virus. Alcuni, fortunatamente, ci sono riusciti, ma ciò che contraddistingue questa malattia sono le sue molteplici varianti.

Secondo gli esperti, infatti, l’Hiv è dotato di più varianti, ognuna delle quali necessita di un vaccino diverso. Ecco la difficoltà cui vanno incontro gli scienziati, la cui impresa è quella di realizzare tanti vaccini quanti sono le varianti del virus. Purtroppo, però, ciò risulta essere quasi una mission impossible, considerando che le varianti sono in gran numero e che il virus è continuamente soggetto a mutazioni genetiche.

Insomma, l’obiettivo dei ricercatori è davvero ostico, tuttavia un passo avanti è già stato compiuto da un team di studiosi, la cui ricerca è stata pubblicata recentemente sulla nota rivista scientifica Nature. Durante le ricerche gli esperti hanno esaminato accuratamente un precedente studio, i cui risultati avevano fruttato un vaccino molto interessante ma, secondo gli scienziati dell’epoca, poco efficace.

Il vaccino, somministrato ad una parte dei volontari che parteciparono allo studio, dava una percentuale di protezione dal virus del 30% più alta rispetto al resto del gruppo, cui venne somministrato un preparato privo di efficacia, detto placebo. Solitamente le percentuali di protezione dei vaccini superano sempre almeno l’80%, mentre per questo vaccino la percentuale troppo bassa fece credere agli scienziati che non fosse abbastanza efficace. In realtà il preparato, come dimostrato dagli esperti della nuova ricerca, è notevolmente più efficace di quanto credessero, e addirittura raggiunge una percentuale pari all’80% di protezione. L’unico difetto, appunto, è che la sua efficacia la si può riscontrare esclusivamente su poche varianti del virus.

Insomma, il vaccino esiste e sembra essere anche funzionante, ma l’Hiv è ricco di “parenti” e di vaccino, purtroppo, ce n’è uno solo. La lotta contro l’Aids è più ardua di quanto credessimo, tuttavia gli esperti non hanno intenzione di arrendersi e ce la mettono tutta per sconfiggerla, nonostante l’avversario da battere, purtroppo, sia davvero troppo forte.

Fonte foto

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy