• Google+
  • Commenta
20 settembre 2012

Critica alla concezione ulpianea della giurisprudenza

Eneo Domizio Ulpiano ( II – III secolo circa) è stato un politico e giurista romano, considerato uno dei maggiori esponenti della dottrina giuridica romana. Ulpiano definisce il diritto “divinarum atque humanarum rerum notitia”, cioè come “ scienza delle cose divine ed umane”. Il diritto è vera filosofia, cioè è una dimensione che supera la sfera del contingente, supera la sfera dell’empiria per sopraelevarsi ad essa. Dalla concezione del diritto come scienza delle cose divine ed umane nasce la definizione ulpianea del giurista come sacerdote, come colui che svolge un ruolo sacerdotale.

Ulpiano

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy