• Google+
  • Commenta
31 ottobre 2012

Prospectus dell’Encyclopédie” di Diderot per la prima volta in Italia nella versione anastatica e nella traduzione dal francese

Bari, 29 ottobre 2012 – Sarà il Politecnico di Bari, che ospita la ricca biblioteca della Fondazione “Gianfranco Dioguardi”, motore dell’iniziativa, a dare il via alle celebrazioni dell’anno diderottiano 2013.

In occasione dei trecento anni dalla nascita di Denis Diderot (1713-1784), filosofo francese, padre dell’illuminismo e artefice del più grande capolavoro culturale del XVIII° secolo: “L’encyclopédie o Dizionario Ragionato delle Scienze, delle Arti e dei Mestieri”, verrà presentato al Politecnico, per la prima volta in Italia, nella versione anastatica e nella traduzione dall’originale francese ( a cura di Francesco Franconeri), il volume che contiene e illustra il grande progetto editoriale dal titolo, “Prospectus dell’Encyclopédie o Dizionario Ragionato delle Scienze, delle Arti e dei Mestieri”.

“Nel novembre del 1750 – racconta il Presidente della Fondazione, Gianfranco Dioguardi – si ebbe a Parigi quel che potrebbe sembrare niente di più di un normale avvenimento nel mondo delle lettere. Il direttore (Denis Diderot) di un’enciclopedia in preparazione pubblicò un prospetto per spiegare a coloro che sperava diventassero i suoi futuri lettori il contenuto dell’opera e i principi con cui l’avrebbe condotta.

Questo annuncio valse all’iniziativa editoriale un numero così vasto di lettori da provocare poi una modifica della maniera corrente di pensare grazie appunto alle idee contenute nei vari volumi dell’enciclopedia. Cosicché oggi la pubblicazione del suo prospetto è considerato uno degli eventi più importanti nella storia politico – letteraria del XVIII secolo.

Il prospetto annunciò un’opera di concezione così nuova che il suo stesso titolo risultò oscuro e si dovette spiegarlo con dotti riferimenti alla sua radice greca: ‘la parola «Encyclopedia» significa concatenamento delle scienze’. E al fine di dare una precisa idea visiva della connessione tra i vari rami dello scibile, l’autore accluse al prospetto un ammiratissimo albero delle conoscenze umane. Il concatenamento reso visibile in questo ‘albero genealogico di tutte le scienze”

“Prospectus”, dunque, ha almeno due valenze: esso è il primo concreto esempio della storia di un progetto di marketing per lanciare sul mercato un prodotto imprenditoriale. L’altra è proprio il suo fine: promuovere l’Encyclopédie (l’Enciclopedia). Opera monumentale, senza precedenti, supportata da un successo di pubblico, stampata anche in Italia, a Lucca dal 1758: 17 grandi volumi di testo, 11 pari volumi di tavole illustrate che racchiudono alla A alla Z tutto il sapere di quel tempo; oltre 1000 collaboratori; oltre 20 anni per la sua realizzazione, il tutto all’ombra di difficoltà politiche-religiose e la prospettiva della Rivoluzione del 1789.

La struttura che è alla base di questa opera intellettuale incarna, ancora oggi, a distanza di secoli, il metodo più immediato per catalogare le varie conoscenze disciplinari.

“Si rimane sorpresi dall’attualità di Denis Diderot – dice Dioguardi. Il filosofo non fu soltanto imprenditore culturale realizzando l’Encyclopèdie, monumento editoriale ancora ora attualissimo. Egli interpretò la cultura con grande professionalità rendendola una componente essenziale dello Stato, quindi della politica, proprio come accade oggi quando tutti noi avvertiamo la necessità di ritornare a una costante e generalizzata frequentazione della Cultura per superare la crisi che ci affligge. L’Encyclopédie è stata ed è ancora una grande espressione della cultura. Essa ha precorso i tempi, interpretando ante litteram lo spirito di internet”

Il volume che fa parte della collana dei “Quaderni” della Fondazione Dioguardi, è sponsorizzata dall’Italiana Costruzioni SpA e rappresenta un imprescindibile contributo agli studi illuministici.

Esso verrà presentato al pubblico, mercoledì, 31 ottobre, ore 17:00, nell’aula magna “Attilio Alto” (campus universitario).

Il programma prevede:

Saluti del Magnifico Rettore, Nicola Costantino, Professore Ordinario di Ingegneria Economico – Gestionale presso il Politecnico di Bari;

Presentazione

Gianfranco Dioguardi, Presidente della Fondazione “G.Dioguardi”, Professore Ordinario di Economia e Organizzazione Aziendale presso la Prima Facoltà di Ingegneria del Politecnico di Bari;

Introduce e coordina

Francesco Moschini, Professore Ordinario di Storia dell’Architettura presso il Politecnico di Bari;

 

Intervengono:

Luciano Canfora, Professore Ordinario di Filologia greca e latina presso l’Università degli Studi «Aldo Moro» di Bari;

 

Michel Delon, Professore di letteratura francese l’Université Paris IV- Sorbonne, (tra i maggiori esperti di Illuminismo);

 

Michele D’Oria, Professore di Lingua e letteratura francese presso l’Università degli Studi di Bari, dal 1967 segretario generale dell’Associazione Culturale Italo Francese – Alliance Française di Bari.

L’iniziativa, curata da Vincenzo D’Alba e Francesco Maggiore, è stata promossa dall’Alliance Française e dalla Fondazione “Gianfranco Dioguardi”, e si avvale del supporto del Politecnico di Bari, dell’Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia, di “A.A.M.” Architettura Arte Moderna, del Fondo Francesco Moschini, Archivio A.A.M. Architettura Arte Moderna per le Arti, le Scienze e l’Architettura.

 

Fonte Foto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy