• Google+
  • Commenta
5 dicembre 2012

Google condannato in Australia a risarcire 200.000 $

Il colosso Google si è meritata una pena pecuniaria dopo che la giustizia australiana ha condannato per diffamazione il motore di ricerca.

Si tratta di una querelle giudiziaria nata dopo che un utente si è ritrovato accostato al mondo del crimine, o meglio, ha visto comparire il proprio nome e la propria foto come suggerimenti collegati al mondo del crimine utilizzando lo strumento Google Suggest.

L’utente si è rivolto ad un avvocato come parte lesa perchè diffamato dall’algoritmo di Google, e il colosso informatico è stato condannato per diffamazione. Il portale di ricerca, infatti, è stato condannato non tanto per la pubblicazione di dati e foto ma per non averle rimosse dopo la segnalazione dell’utente chiamato in causa.

Una condanna simile era arrivata anche in Francia, sempre a causa delle associazioni di chiavi di ricerca che fa il servizio Google Suggest, quando un’azienda immobiliare si era trovata associata alla parola “escroc”, cioè “truffatore” in francese.
Anche l’orientamento della giurisprudenza francese che denota la responsabilità civile di Google per i suggerimenti di ricerca ha dato una mano alla giustizia australiana, che arriva solo dopo i tribunali di Svezia, Irlanda e Italia. Infine Google è già stata condannata in Brasile mentre l’unico caso di assoluzione si è avuto nel Regno Unito.

Per restare in Italia, il tribunale di Milano ha condannato Google Suggest con l’Ordinanza del 31 marzo 2011, dopo le lamentele presentate da un imprenditore che pubblicizzava la sua attività finanziaria su Internet, ma che nel motore di ricerca di Google si era ritrovato a vedersi affiancare le parole “truffa” e “truffatore”, un suggerimento non veritiero e diffamatorio, lesivo della sua immagine pubblica e professionale. Nonostante il ricorso di Mountain View, il tribunale di Milano ha costretto Google a rimborsare per i diritti lesi il professionista con  1.500 euro e in più restavano 2.300 euro da pagare per onorari vari e spese legali.

 

Google+
© Riproduzione Riservata