Come creare un sito web con WordPress gratis: tutorial

Mario Ragone 5 Novembre 2020

Come creare un sito web professionale con Wordpress gratis: tutorial per costruire da zero  secondo il programmatore Matteo Russo.

Nell’era attuale del digitale è prassi per un giornale, ad esempio, un’azienda o ancora un privato avere un sito internet. Senza quest ultimo è quasi come non esistere (fattore che nell’eccesso opposto sfocia nella web dipendenza), per tanto è fondamentale sapere come creare un sito web gratis. Come costruire da zero con WordPress, html o Google, solo per citare alcuni degli strumenti utili in rete. Nel nostro caso ci concentreremo maggiormente sulla creazione di un sito personale o professionale con WordPress. Una piattaforma, questa, che rappresenta l’elemento basilare di partenza per generare un’alternativa virtuale al reale.

Per comprendere al meglio il tutto ci siamo rivolti al programmatore Matteo Russo, esperto del settore.

Seguendo le sue indicazioni è possibile delineare un tutorial di editing per creare un sito web. WordPress sarà il focus di analisi, ma anche temi e plug-in ad esso correlati e come scaricarli. Insomma una vera e propria guida per costruire un sito internet da zero e gestirlo nel migliore dei modi. Che sia un blog, un giornale o un’attività commerciale non fa differenza, poichè il procedimento alle fondamenta resta lo stesso.

Come creare un sito web con WordPress gratis per un giornale, blog o attività commerciale

Vediamo allora come creare un sito web con WordPress gratis per un giornale, blog o attività commerciale. Diverse finalità ma alla base il medesimo strumento, una piattaforma online per costruire da zero il sito internet di preferenza. Seguiamo per tanto il tutorial e le parole del programmatore Matteo Russo, che ci fornirà indicazioni tuili allo scopo:

“WordPress è il CMS (Content Management System) più diffuso al mondo, partiamo da questo presupposto. Un CMS altro non è che un’interfaccia per creare e gestire contenuti, che verranno poi impaginati in un sito web. Dalle prime versioni ad oggi si è evoluto parecchio, passando da semplice piattaforma di blogging a completo CMS. Esso viene usato come punto di partenza anche per e-commerce, piattaforme di e-learning, bacheche collaborative, forum, magazine, siti aziendali, e tanto altro ancora” – spiega il programmatore Russo –

“Per creare un sito web in WordPress – prosegue – sostanzialmente possiamo seguire due strade: costruire il nostro sito direttamente sulla piattaforma, o installarla nel nostro spazio web. Nel primo caso l’esperienza d’uso sarà sicuramente più “soft” rispetto a quella su hosting proprietario. Questo anche perché sui piani base vi sono parecchie limitazioni d’uso (in primis limite di scelta tra plug-in e template). Nel caso optassimo per installare WordPress su un nostro hosting, potremo avere un controllo totale di tutto. Una volta installato ed effettuato l’accesso, possiamo gestire i nostri contenuti (solitamente divisi tra post e pagine), impaginandoli fino ad ottenere l’effetto voluto”.

Temi e plug-in WordPress, a cosa servono e come scaricarli

Spostiamo ora il focus su temi e plug-in WordPress, a cosa servono e come scaricarli. Cerchiamo di approfondire la questione sempre tramite l’ausilio del parere tecnico del programmatore Matteo Russo:

“Tramite il supporto di plug-in e temi specifici, abbiamo l’opportunità di aggiungere ulteriore profondità e funzioni al nostro sito web. I temi (template) di WordPress altro non sono che degli “abiti” col quale cambiare l’aspetto (e le funzionalità) della parte visibile di WordPress. Grazie ai template possiamo avere una pagina con barra laterale o senza. Stabilire dimensioni e posizione delle immagini all’interno dei post, e tutti quegli aspetti grafici e funzionali che possono trasformare un semplice listato di testo in un’opera di design e UX” – sostiene Matteo Russo –

“I plug-in – continua – invece sono da intendersi a tutti gli effetti come delle “estensioni” di funzionalità del Core Base di WordPress. Tramite un plug-in è possibile mostrare un pulsante di condivisione social, vietare l’accesso a un contenuto o meno ad uno specifico utente, rendere scaricabili dei file, ingrandire le immagini, etc. Insomma fare qualunque altra cosa possa venirvi in mente. Solitamente i metodi per installare template e plug-in sono due: scaricarli direttamente dal repository di WordPress (ed attivarli dal pannello relativo), o acquistarli da sviluppatori terzi che spesso vendono su Marketplace dedicati, e infine caricarli nell’installazione tramite le apposite funzionalità”.

Guida tutorial per capire come creare un sito web con WordPress gratis

Riepiloghiamo di seguito i punti della guida tutorial per capire come creare un sito web con WordPress gratis:

  • Scegliere se costruire il sito direttamente su piattaforma o installarla nel nostro spazio web: la prima strada è più semplice ma anche meno gestibile;
  • La seconda strada, quella dell’hosting proprietario, è più articolata ma ci lascia un controllo totale (su temi, plug-in etc.);
  • Procedere quindi con l’installazione ed effettuare l’accesso con le credenziali;
  • Apportare le modifiche volute su post e pagine che rappresentano l’impalcatura del sito;
  • Scaricare le estensioni dal repository di WordPress o tramite Marketplace terzi per rendere più dettagliato l’aspetto e le caratteristiche del nostro sito internet;
  • Servirsi di template e plug-in accessori per arricchire l’interfaccia web e le funzionalità del nostro blog, giornale o sito aziendale.
© Riproduzione Riservata
avatar Mario Ragone Sono Mario Ragone, redattore web con formazione in Comunicazione Audiovisiva e Mediale. Ho grande passione per il Social Marketing e l'informazione a 360°. Mi occupo, infatti, di argomenti di vario tipo che spaziano dalla Cultura come Cinema e Televisione all'Economia, dalla Medicina allo Sport fino al mondo di motori. Penso che avere un'idea su molteplici tematiche della nostra vita, ci permette di passare dall'una all'altra con grande versatilità mentale, una condizione questa che rende una persona libera nell'esprimersi, senza farsi fuorviare o condizionare. Capacità critica di discernimento ed autonomia di pensiero sono per me gli unici due elementi che ci rendono realmente liberi dalla schiavitù dell'ignoranza. Approfondisco le mie rubriche con intervento di esperti e professionisti del settore di cui scrivo. Leggi tutto