• Google+
  • Commenta
31 dicembre 2012

Menù della befana: ricette Epifania per studenti e non solo

Epifania le feste porta via
Menù della befana

Menù della befana

Ecco il menù della befana: le ricette dell’epifania facili e veloci da preparare per studenti e non solo.

Cosa cucinare il giorno della befana? Quali sono le ricette ed i menù della befana facili da preparare? Quali quelli tradizionali?

E ancora quali sono le ricette dell’epifania tradizionali? Ecco di seguito delle idee con ingredienti e preparazione.

Il giorno della befana è anche l’occasione per sperimentare nuove Ricette Epifania per far bella figura con amici e parenti.

Ma anche per il gusto personale di creare qualcosa di nuovo e, preferibilmente buono.

Possiamo dividere, per ironia e fantasia, vari menù in base al destinatario, cioè se lo stesso è stato buono o cattivo.

Ecco il menù della befana per i cattivi: ricette Epifania risotto al cacao, ingredienti per 4 persone:

  • 30 g di burro
  • 300 g di riso carnaroli
  • 1 cucchiaio di cacao amaro di ottima qualità
  • 4 cucchiai di panna da cucina
  • 1/2 cipolla
  • burro
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • brodo di carne
  • grana padano grattuggiato abbondante

Soffriggete la cipolla con un pezzettino di burro in una capiente padella. Aggiungete il riso, fatelo tostare nel condimento, mescolando continuamente.

Unite il vino e fatelo evaporare completamente ed iniziate la cottura del riso unendo, poco alla volta, il brodo caldo.

A pochi minuti dalla fine della cottura, preparate a parte la panna ed il cacao precedentemente setacciato. Incorporate la cremina ottenuta al riso, dopo averlo tolto dal fuoco.

Lasciate riposare il riso, coperto per 2/3, il tempo necessario per scaldare la panna. Completate con il grana.

Menù della befana: preparazione dello spezzatino dell’epifania: ingredienti

  • 500 g di manzo tagliato a cubetti
  • 120 g di pancetta tagliata a cubetti
  • 50 g di cacao amaro setacciato
  • 2 bicchieri di cognac
  • 3 cucchiai olio di oliva
  • salvia estragon timo (qualche foglia d’ognuno)
  • brodo q.b.
  •  sale e pepe q.b.
  • farina q.b.

Fate rosolare in un tegame la pancetta nell’olio ed aggiungete poi la carne precedentemente infarinata (togliendo quella in eccesso). Rosolate per 2 minuti mescolando sempre. Aggiungete il cognac e fatelo evaporare. Salate, pepate ed aggiungete le erbe aromatiche. Iniziate la cottura a fuoco molto basso, con il tegame coperto ed aggiungete, se coccorre, un po’ di brodo. A cottura ultimata spegnete il fuoco e tenete in caldo. Grattuggiate il cioccolato e versatelo sopra la carne. Riaccendete il fuoco per pochi minuti fino a quando il cioccolato si sarà sciolto. Servite subito (magari accompagnato con delle fette di polenta abbrustolite).

Torta alla strega nel menù della befana: preparazione e ingredienti

Dolce al cioccolato della strega per 8 persone

  • 3 uova
  • 80 g di farina
  • 80 g di fecola di patate
  • 150 g di zucchero
  • 100 g di burro
  • 200 g di cioccolato fondente
  • 2 banane
  • zucchero a velo q.b.
  • 1 bustina di lievito

Si racconta che, non riuscendo a legare a sè un vampiro con i suoi filtri, una strega sia riuscita a farsi sposare dopo avergli fatto assaggiare questa torta! Sbattete in una terrina le uova con lo zucchero. Aggiungete la farina, la fecola, il lievito ben setacciati e mescolare bene. Tagliate il cioccolato e mettetelo in una casseruola, aggiungete il burro e fate fondere dolcemente a bagnomaria. Sbucciate le banane e tagliatele a rondelle. Versate nella terrina il cioccolato fuso e le banane e mescolate il tutto. Scaldate il forno a 200 gradi, versare il composto in una grande tortiera foderata con carta forno e fate cuocere per 40 minuti. Lasciate raffreddare la torta poi mettetela sul piatto da portata. Disegnate su un cartoncino la sagoma di una strega o una scopa, mettetela sopra la torta e spolverizzatela con lo zucchero a velo. Togliete la sagoma con delicatezza e decorate ulteriormente la torta cingendola con nastri di raso neri ed arancioni (i colori di Halloween) o con un nastro nero e caramelle arancioni.

Pizza alla Campofranco nel menù della befana: preparazione

La pasta:

  • 600 g di farina
  • 250 g di burro, a temperatura ambiente
  • 4 uova, a temperatura ambiente
  • sale, un pizzico
  • 60 g lievito di birra
  • 60 ml latte tiepido

Il ripeno

  • 300 g mozzarella
  • 200 g prosciutto cotto
  • 500 g pomodori pelati, sgocciolati
  • 2 cucchiai basilico tritato
  • 2 cucchiai parmigiano grattugiato
  • 1 tuorlo sbattuto

Questa mia ricetta riscuote un successo enorme. Il segreto consiste nel lavorare a lungo l’impasto. Se avete una impastatrice, il problema non sussiste più. Anche se la preparazione è un po’ lunga, sarete ricompensati dalla bontà di questo piatto. Mettete nell’impastatrice la farina, il burro, il lievito sbriciolato, le uova e il pizzico di sale. Fate partire l’impastatrice e poi aggiungete poco alla volta il latte riscaldato.

Dopo qualche minuto otterrete un impasto morbido, elastico e che si stacca dalle pareti in un sol pezzo. Se siete senza impastatrice dovete lavorare a lungo, circa 15 minuti, sbattendo l’impasto con le vostre mani per ottenere il medesimo risultato.

Deponete l’impasto in una ciotola spolverizzata con della farina e fatela lievitare fino a quando avrà raddoppiato il suo volume. Ci vorranno circa 2 ore. Nel frattempo sgocciolate bene dalla loro acqua i pomodori pelati, tagliateli a listarelle e fateli asciugare bene su della carta assorbente. Ripetete diverse volte questa operazione perchè è molto importante che durante la cottura non perdano acqua.

Tagliate la mozzarella, anche lei ben scolata dalla sua acqua, a listarelle sottili e fate lo stesso con il prosciutto cotto e il basilico. Prendete una tortiera ad anello di 26 cm di diametro e imburratela bene.

Quando la pasta ha radoppiato il suo volume ed è ben rigonfia, rovesciatela su di un tavolo leggermente infarinato e battetela col palmo della mano per sgonfiarla. Poi dividetela in due parti facendo in modo che una sia leggermente maggiore dell’altra. Prendete quella più grande, stendetela a una altezza di circa 1/2 cm e foderate con questa il fondo e i bordi della tortiera. Ora procedete al riempimento della pizza ricoprendo il suo fondo con metà delle fettine della mozzarella e su queste mettete i pomodori conditi con un pizzico di sale e pepe e poi ricoprite con il basilico e poi ancora con il prosciutto cotto; terminate infine con la mozzarella avanzata ricoperta da due cucchiaiate di grana.

Ritagliate i bordi della pasta in modo che rimangano di qualche cm più alti dell’impasto e con l’aiuto di un pennello bagnate con il tuorlo l’orlo della pasta. Prendete ora il pezzo di pasta rimasto, stendetelo con il mattarello in modo da ottenere un disco con cui coprire la pizza. Premete con delicatezza in modo che i bordi combacino bene con il disco di pasta e poi fate lievitare ancora per circa un ora.

Trascorso questo tempo, la pizza è pronta per essere infornata ma prima spenellatela con il tuorlo rimasto procedendo con molta delicatezza in modo da non sgonfiare la pasta. Infornate a 180 gradi per circa venti minuti fino quando la pizza risulterà ben cotta e dorata. Sfornatela, e dopo averla sformata adagiatela sul piatto di portata e servite subito ben calda.

Menù della befana: ricetta Tournedos Rossini

  • 4 fette di pan carrè
  • 150 g di burro
  •  4 fette di Foie gras
  • 4 cuori di filetto da 120 g cad
  • 2 cucchiai di olio di oliva
  • sale e pepe q.b.
  • 12 fettine di tartufo nero

La salsa

  • 3 cucchiai di Madeira
  • 1 cucchiaio scarso di maizena
  • 200 ml di brodo di pollo/dado
  • sale e pepe q.b.

Tagliate con l’apposita forma tonda le fette di pane in modo che abbiano all’incirca il diametro dei filetti, friggettele in 50 g di burro da entrambi i lati e tenete in caldo. In una padella antiaderente fate saltare il foie gras in 50 g di burro da entrambi i lati ed a fuoco basso. Teneteli poi in caldo.

Nella stessa padella aggiungete ora 2 cucchiai di olio ed il burro rimanente, cuocete a fuoco vivace i 4 filetti, due minuti per parte, in modo che vengano piuttosto al sangue, salateli, pepateli e adagiateli sui crostoni di pane.

Saltate ora le fette di tartufo nei succhi di cottura della carne e deponete su ogni filetto il foie gras ed i tartufi. Sempre nella stessa padella, sciogliete i fondi di cottura con due cucchiai di Madeira, poi aggiungete il brodo e portate ad ebollizione.

Addensate la salsa aggiungendo la maizena sciolta nel resto del Madeira e aggiungete per finire un pizzico di sale. Mescolate bene, passate la salsa al colino e versatela sulla carne.

Insomma, che siate stati buoni o cattivi, il giorno della Befana sarà pieno di bontà, passato insieme a chi più ci aggrada, prima del rientro della routine da nuovo anno.

Google+
© Riproduzione Riservata