• Google+
  • Commenta
16 gennaio 2013

Come dimagrire in poco tempo – Gli studenti provano la cucina buddista

Come dimagrire in poco tempo con la dieta Buddista

Ecco come dimagrire in poco con la dieta buddista: 4 kg in 7 giorni con la dieta buddista.

Come dimagrire in poco tempo con la dieta Buddista

Come dimagrire in poco tempo con la dieta Buddista

Immancabile come gli stravizi alimentari delle feste, ecco arrivare il mese delle diete che consiglia su come dimagrire in poco tempo, per tutti gli studenti alle prese anche con il risparmio economico in cucina ma anche per tutti coloro che hanno esigenze di questo tipo.

E a meno di non barricarsi in casa senza giornali, tv, internet e telefono non si può non essere colti dalla frenesia del post-abbuffata. Ma la scelta del regime alimentare perfetto è assai arduo: dunque, quale scegliere e come dimagrire in poco tempo?

Una dieta glamour come quella Dukan, oppure una più tradizionale come quella a zona o dissociata? Come se non bastasse il continuo far leva dei media sul senso di colpa per i peccati di gola commessi, il bombardamento mediatico è contornata da promesse al sapor di truffa, da agghiaccianti testimonianze della vita “prima” e “dopo” il miracoloso dimagrimento (in cui non ci capisce perché la signora di turno perda 5 kg di peso, ma ne acquisti almeno uno di trucco e boccoli).

Come dimagrire in poco con la dieta buddista: come perdere 4 kg in 7 giorni

Per chi però non fosse pago delle opzioni occidentali, negli ultimi mesi sul web sta spopolando una dieta più esotica: la dieta buddista. Su decine di siti può leggere come dimagrire, come ottenere la “linea” del monaco buddista tramite un regime rigido ma che porterebbe a perdere ben 4 kg in 7 giorni! Se per molto tempo l’oriente ha rappresentato il miraggio di una spiritualità a basso costo, di una promessa di liberazione dei corpi e delle anime “take away”, a quanto pare quel delirio, raccontato per la prima volta negli anni ’70 da Gita Mehta (in Karma Cola), pare essere ancora in atto.

In che cosa consiste questa dieta dal sapore esotico? Si tratta essenzialmente di un regime alimentare a bassissimo contenuto calorico, inadatto quindi per chi soffre, ad esempio, di pressione bassa (ragione per la quale si avvisa di farla solo sotto controllo medico), privo di proteine. Gli unici alimenti concessi sono riso, frutta e verdura, conditi eventualmente con soia (o gomasio) e spezie. Il difetto è evidente: il rischio di quell“effetto yo-yo” (detto anche “effetto fisarmonica”) che tende a caratterizzare tutte variazioni di regime alimentare troppo drastiche per essere mantenute sul lungo periodo. Noi studenti in periodo di esame potremmo aver bisogno di un fabbisogno giornaliero maggiore, ma per quelli che vogliono liberarsi subito dei chili di troppo, ecco un menù tipico:

Menu tipo della dieta buddista per come dimagrire:

  • Colazione: Macedonia di frutta.
  • Pranzo: Riso con una salsa fatta con pomodoro, cipolla e peperoni. Un frutto.
  • Merenda: Gambi di sedano o di carote.
  • Cena: Riso con i broccoli. Un frutto.

Il costo modico degli alimenti e la loro semplicità rendono la dieta accessibile anche a tutti quei ragazzi fuorisede che hanno pochi soldi e poco tempo.

Ciò che a buon senso però stupisce di più è che si debba andare fin dai monaci buddisti per scoprire questo regime alimentare che, in buona sostanza, non è né più né meno di una qualunque dieta “povera”, tipica dell’astinenza religiosa dai piaceri terreni. Perché non la “dieta della suora di clausura” allora? Esoticità di soia e spezie a parte, davvero sarebbe molto differente? Mediaticamente sì; forse perché più consapevoli di tutte quelle “piccole” altre rinunce cui una simile alimentazione è connessa, difficile è pensare che molti sarebbero allettati all’idea di far la “dieta della suora”.

C’è però anche un’altra ragione. La versione della dieta buddista più praticata non è quella sopra descritta, bensì la versione che prevede l’assunzione della miracolosa “tisana dei monaci buddisti” per come dimagrire: un misterioso intruglio a base di antiossidanti, aloe, tulsi, citronella, the verde, erbe e fiordaliso in petali. Più facile e molto meno faticosa; basta ingerire 3-4 tazze al giorno di questa tisana che le case produttrici promettono aver un “gradevole sapore zuccherino” e si potrà dimagrire mangiando qualsiasi cosa, in qualunque quantità. Un vero miracolo! L’unica pecca è che la ricetta è assolutamente segreta e il suo prezzo sul web decisamente alto: circa 60 euro per 300 g.

In definitiva, anche se visti gli ingredienti (almeno quelli conosciuti) è possibile che la tisana aiuti il corpo a purificarsi e a disintossicarsi, la questione è più o meno la stessa di sempre: davanti alla promessa di poter ottenere i risultati voluti senza sforzo siamo tutti pronti a gridare al miracolo. Perché lavorare sulla propria forza di volontà quando basta sborsare una cospicua somma di denaro?

Selene Parigi

Google+
© Riproduzione Riservata