• Google+
  • Commenta
12 gennaio 2013

Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato

E’ questo il prequel di una saga che ha sbancato il botteghino quale Il Signore degli Anelli, e che persegue il tentativo di imitarne il ritmo, l’attrattiva e gli schemi stereotipici dei personaggi senza però aggiungere alcunché? Certamente sì.

Bilbo Baggins racconta cosa accadde a lui giovane, prima della saga dell’anello che vedrà protagonista il nipote Frodo, e all’avventura che così tanto lo chiamò a sé, lui che era restio a lasciare il comodo buco da Hobbit all’interno della verde e serena contea.

Una compagnia di nani e il mago Gandalf piombano in casa del giovane Bilbo per convincerlo ad unirsi alla loro compagnia che tenterà di riconquistare il regno di Erebor, la sua patria natìa, usurpata dal drago Smaug.

Bilbo, all’inizio restìo, raggiunge la compagnia già partita senza di lui e si unisce all’impresa. Sarà un lungo cammino per dimostrare ai compagni e al principe Thorin Scudodiquercia, legittimo erede del regno di Erebor, che dietro ad un’indole apparentemente non combattiva e all’inesperienza in battaglia si nascondo cuore e coraggio da vendere.

La nuova tecnologia utilizzata da Peter Jackson, l’High Frame Rate 3D, non convince. Il critico cinematografico Peter Debruge commenta: “La tecnica incrementa il dinamismo della mobilissima macchina da presa ma il 3D complica anche i trucchi prospettici utilizzati da Jackson nei film precedenti, creando strani effetti di disturbo. Ancora più sconcertante è l’introduzione dei 48 fotogrammi al secondo, che risolve sì il problema dello sfarfallio della pellicola sul movimento orizzontale, ma rende ogni elemento in scena enfatico e artificiale, svelando così la falsità di set e costumi.”

Il prequel de Il Signore degli Anelli, trilogia cinematografica ispirata ai tre romanzi fantasy di Tolkien, non sorprende, né incanta, perché ascoltiamo la stessa musica, di nuovo, ma questa volta come un’eco, più debole rispetto al ripetitivo ma comunque coinvolgente ritornello.

Ci auguriamo che quest’ennesima trilogia di Peter Jackson riesca a tenere il passo dell’avventura già conclusa di Frodo e la Compagnia dell’anello.

Google+
© Riproduzione Riservata